I conti dormienti. Un tesoro dimenticato dai risparmiatori e che rischia di finire, se non reclamato, nel fondo creato dal Ministero dell’Economia.
Nei conti dormienti rientrano depositi di denaro o di strumenti finanziari non movimentati da almeno dieci anni. Per «risvegliarli» basta eseguire almeno un’operazione oppure reclamarne la restituzione. Le banche e gli intermediari hanno provveduto a identificare i rapporti e a comunicare i relativi dati al ministero dell’Economia, il quale precisa che non viene in alcun modo pregiudicato il diritto alla restituzione delle somme al titolare. Quest’ultimo …




Scritto da: la Gazzetta di Mantova | Cronaca
Data: 17 gennaio 2009
Categoria: Cronaca, Economia


Inserisci un commento