Lo scandalo dei semafori T-Red a Mantova


semaforo rosso stopForse non è un caso che i T-Red, i rilevatori automatici delle infrazioni commesse ai semafori, abbiano un nome che richiama paure
preistoriche. Per migliaia di automobilisti le apparecchiature elettroniche’appostate’ da centinaia di amministrazioni agli incroci si sono rivelate voraci come il T-Rex, il tirannosauro onnivoro.

Ma se i mostri jurassici sono scomparsi una settantina di milioni di anni fa, la via dell’estinzione dei moderni occhi elettronici oggi è stata indicata dalla magistratura di Verona. Per ordine del gip scaligero Sandro Sperandio, su richiesta del pm Valerio Ardito, i carabinieri di Desio (Milano) e San Bonifacio (Verona) hanno
arrestato l’ideatore e distributore dei T-Red. In manette, nell’ambito dell’inchiesta che vede indagate altre 108 persone, è finito Stefano Arrighetti, 45 anni di Seregno (Milano), amministratore unico della Kria di Desio, accusato di frode nelle pubbliche forniture.

Secondo gli investigatori Arrighetti avrebbe omologato solo la telecamera e non avrebbe chiesto e quindi mai ottenuto dal ministero dei Trasporti l’omologazione dell’hardware dell’apparecchiatura che fa funzionare l’intero sistema.

Ai timori degli automobilisti corrispondeva tuttavia una grande soddisfazione finanziaria delle amministrazioni. Ci sono stati Comuni che, in due anni, alla voce contravvenzioni del codice della strada hanno visto un aumento del 300% delle entrate dopo l’installazione dei T-Red. Come non bastasse, alcuni comandanti
della polizia municipale, hanno ricevuto un bonus fino al 20% sull’indennità di servizio.

Così tra i 109 indagati figurano 63 comandanti di polizia municipale tra cui l’ex responsabile di Perugia e il comandante di Mogliano Veneto (Treviso), 39 amministratori pubblici e sette amministratori di società private. E’ di Lerici (La Spezia), invece, l’unico comandante della polizia municipale in Italia che
già nel 2007 aveva fiutato l’anomalia dei T-red per il rilevamento delle infrazioni, sia negli autovelox, che nei semafori intelligenti con fotocamera.




Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *