rivaltaA Rivalta sul Mincio, esiste una centrale che produce energia elettrica sfruttando il biogas prodotto dalla fermentazione degli sfalci di erba, quelli che, chi ha un giardino, produce quasi settimanalmente da primavera a ottobre.
Gli sfalci non sono sufficienti per produrre gli 1,3 Megawatt, la ditta di Rivalta utilizza anche la “FORSU” che è l’acronimo di Frazione Organica Rifiuti Solidi Urbani.
In altre parole gli scarti di cucina: pane vecchio, fondi di caffè, gusci di uova, bucce di frutta che fermentando producono, appunto, il gas biologico (biogas) che alimenta i generatori che producono energia elettrica e che, con l’acqua di raffreddamento dei generatori, si riscaldano le case del quartiere circostante con un impianto detto di teleriscaldamento.
Il guaio è che, le fermentazioni, non sono inodori.
L’erba un po’ meno, ma i FORSU molto di più, soprattutto perché, noi conferitori, non siamo bravi e oltre alla frazione organica, invece di differenziare mescoliamo gli scarti organici con la plastica dei contenitori di yogurt, il metallo dei coperchietti e la pellicola avvolgitutto che ovviamente non fermentando costringono gli utilizzatori a fare una separazione massiva mentre il deposito inizia a fermentare, ammorbando l’aria attorno.
Adesso, a Rivalta, dopo le proteste, pare che faranno questa operazione al chiuso e non più all’aperto ma noi potremmo anche metterci del nostro nel separare meglio, in piccolo, quello che in grande diventa lungo difficoltoso e appunto, ammorbante.




Scritto da: MantovaNotizie.com
Data: 21 aprile 2009
Categoria: Cronaca
Tag:


2 Commenti

  1. Michele Conti - | Rispondi

    Il problema, secondo me, non è comunque direttamente legato alla popolazione di Rodigo e quindi non può essere imputato ad essa l’inefficienza dell’impianto, in quanto i rifiuti organici (FORSU) addittivati al menù vegetale ordinario, non sono sicuramente prodotti nel territorio comunale, ma provengono dall’esterno!
    In oltre è da precisare:
    – che l’impianto per la produzione di biogas era nato con l’intento di fare fermentare solamente materiale vegetale;
    – e che in ogni caso, posizionare l’impianto cosi vicino al centro abitato, è stata una grave mancanza di sensibilità e di rispetto dell’amministrazione uscente nei confronti dei cittadini e della loro qualità della vita.

  2. Monica Artusi - | Rispondi

    Sono cittadina di Rivalta e sono disperatamente a denunciare una condizione di vita aberrante: in qualsiasi momento della giornata siamo costretti a respirare odori nauseabondi e stomachevoli. Esalazioni ripugnanti che talvolta fanno piangere gli occhi e bruciano la gola.
    Auspico che la determinazione del neocostituito Comitato di rivaltesi induca il Comune ad adottare finalmente
    stazioni di rilevamento atmosferico e ad istituire assemblee che con serietà e trasparenza ci spieghino cosa stiamo
    respirando, denuncino i responsabili e tutelino la nostra salute ed il “Bel vivere”.
    Mi appello infine ai miei “silenziosi concittadini” affinché si facciano forza e si uniscano al coro di questa giustificata protesta.


Inserisci un commento