La Maestra Madonnara Simona Sofia LanfrediMadonna delle Grazie di Simona Lanfredi SofiaLa Fiera delle Grazie , giunta anche per questa edizione all’ultima giornata, ha visto per il secondo anno consecutivo la maestra Madonnara , mantovana di Bozzolo, Simona  Sofia Lanfredi vincitrice del 37esimo Incontro dei Madonnari sul sagrato del Santuario con l’opera “Una Madonna delle Grazie”. Al secondo posto si è classificata Francesca Garuti con un Cristo benedicente il pane ed al terzo Andrea Mariano Bottoli di Monza che ha disegnato una Vergine con Bambino avvolta dagli angeli, con in dono la Cometa. Duecentomila le presenze registrate in questa edizione della Fiera delle Grazie, con la partecipazione di 193 Madonnari.




Scritto da: MantovaNotizie.com
Data: 17 agosto 2009
Categoria: Cronaca


3 Commenti

  1. elena gandolfi - | Rispondi

    come mai i premi migliori sono rimasti in famiglia mantovana?

    la selica avete detto che ha provato quest’anno e guarda caso ha vinto il viaggio in Messico!!!!!!

    peccato che tutto si riduca così

  2. selica - | Rispondi

    ciao elena, non so esattamente chi tu sia ma è giusto ti vengano date alcune spiegazioni:
    perchè i premi rimangono numerosi a Mantova: semplicemente perchè il numero dei partecipanti di mantova è di gran lunga più numeroso inoltre i mantovani fanno molta più esperienza degli altri
    Selica, che sarei io è sulla piazza ormai da 20 anni non è la prima esperienza e non ha vinto un viaggio in messico ma il viaggio per fare la manifestazione del messico che conta più di 600 partecipanti. Non farò nessun viaggio di piacere in messico pertanto partirò il giorno prima della manifestazione e tornerò il giorno dopo, e non è un peccato che “si riduca così”, portare arte madonnara nel mondo è obiettivo di tutti noi madonnari.
    se desideri altre spiegazioni chiedile pure
    ciao

  3. Martino Zingarelli - | Rispondi

    La perplessità di Elena Gandolfi è più che plausibile, non è l’unica.
    Ciao Selica, mi fà piacere apprendere che hai vinto il Messico, lo meriti sei brava, sono sicuro che ci rappresenterai degnamente.
    Per quanto riguarda Curtatone,ci sono stato sono un’anno (2007 credo), un’accoglienza molto discutibile per noi madonnari praticanti girovaghi, sia per il vitto e tantomeno l’alloggio, io ho camper, ma ho visto dove alloggiavano i colleghi, non tanto differente da Losarno in Calabria. Siamo uomini o bestie?
    Già siamo artisti, quindi……? più che sconvolgente ciò.
    Cara Selica, i criteri di valutazione di chi è più meritevole o meno di riconoscimenti(premi), non si valuta con gli anni di esperienza, anche io ho diversi anni di esperienza vissuti in maniera intensissima sulle piazze (una media di 3 piazze alla settimana,x 7 anni di fila) ma non ho mai considerato o preteso che ciò sia motivo di valutazione,questo concetto è molto diffuso tra tanti colleghi, così detti: “MADONNARI STORICI”,ponendoli in una posizione di facile giudizio nei confronti degli altri madonnari.
    E’ anche vero che è molto più semplice,se fai parte di qualche associazione poter usuffruire di riguardi che, altrimenti non ti sono riconosciuti se sei un libero.
    Ci sono più associazioni che madonnari, praticamente.
    Mi spiace che in questi bei raduni di MAESTRI MADONNARI STORICI, non si coglie l’occassione per fare annualmente il punto della condizione della nostra categoria sul territorio nazionale, ma, ogniuno guarda solo nel proprio pollaio.
    Detto ciò, Selica ti abbraccio e spero di vederti a Nocera.
    A te Elena un Saluto dalla puglia.
    ciao martino


Inserisci un commento