La manovra Bis di agosto 2011 cancella il Sistri


Il Sistri cancellato con un colpo di spugna, ma molti hanno già pagato l’iscrizione al sistema

Manovra Bis Agosto 2011: Cancellato SistriConfcommercio Mantova informa che la manovra di Ferragosto varata dal Governo ha abolito il Sistri, il sistema di tracciabilità dei rifiuti che sarebbe dovuto partire, a scaglioni, con l’inizio di settembre.

“Il Sistri – spiegano allo Sportello Ambiente dell’associazione – aveva preso il via nel 2009, su iniziativa del ministero dell’Ambiente, al fine di conferire una migliore tracciabilità alla movimentazione a livello nazionale dei rifiuti speciali (che rappresentano l’80% di quelli prodotti) e di combattere dunque i traffici illeciti”.

Basata su una dotazione di scatole nere da installare su tutti i camion trasportatori e su un sistema informatico di gestione dei dati, la procedura aveva già dato parecchi problemi a causa di evidenti malfunzionamenti in fase di test e per via delle complicazioni burocratiche e dei costi a carico delle imprese.

Ora però per il Sistri si tratta di qualcosa di più che di uno slittamento. Il decreto 138/2011 del 12 agosto 2011, quello della manovra bis, lo ha infatti cancellato, abrogando a effetto immediato tutte le norme relative emanate a partire dal 2006.

“Con l’abolizione del Sistri – spiegano da Confcommercio – resterà in vigore l’attuale sistema di gestione “manuale” dei rifiuti speciali: registro cartaceo di carico e scarico, formulari di trasporto e il Mud, Modello Unificato di Dichiarazione annuale dei rifiuti. Non si sa ancora come sarà risolto il problema delle imprese che hanno già pagato l’iscrizione al sistema e versato i relativi contributi. Va detto che il provvedimento è in attesa di conversione definitiva in legge e in fase di presentazione degli emendamenti potrebbe accadere qualsiasi cosa”.

Ma la premessa fondamentale è che mancano i fondi per la sua attuazione, quindi difficilmente si potrà ritornare sui binari che l’iter nel suo complesso prevedeva.

Confcommercio Mantova invita le imprese produttrici di rifiuti a rivolgersi allo Sportello Energia Ambiente e Sicurezza di Confcommercio (tel. 0376.231209) per informazioni e assistenza.




Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *