Aumento IVA, i negozianti di calzature chiedono lo sconto ai fornitori


Con l’approvazione della manovra economica, è stato stabilito un aumento dell’aliquota Iva dal 20 al 21% e le calzature rientrano tra i prodotti interessati da tale rincaro.

Aumento IVA da 20% a 21%I commercianti di calzature aderenti a Confcommercio però non ci stanno. Gli esercenti del settore stanno infatti chiedendo ai loro fornitori (fabbricanti e importatori) di applicare uno sconto compensativo del 2%.

“Non abbiamo altra scelta – commenta Annick Mollard, presidente di Federcalzature Mantova – attualmente la distribuzione calzaturiera non è nelle condizioni di assorbire tale aumento. Pertanto le vie sono due: o un aumento dei listini di vendita al pubblico – scelta che sconsigliamo vivamente data la situazione di forte crisi dei consumi – oppure – continua Mollard – i fornitori dovrebbero applicarci uno sconto del 2% in fattura sulle merci in consegna per la stagione autunno-inverno. L’aumento dell’1% sull’Iva, infatti – spiega l’imprenditrice – è sia sul prezzo di vendita al pubblico sia su quello di acquisto dal fornitore e tutte le rimanenze presenti in magazzino oggi, che abbiamo pagato al 20% sul prezzo d’acquisto, ora dovremo venderle con il 21% di Iva sul prezzo di vendita!”.

Federcalzature è fortemente contraria all’ipotesi di far ricadere tale rincaro sul consumatore:

“In questo momento – sottolinea Mollard – il cliente-consumatore è l’anello più debole della filiera, e per questo va, come dire, ‘protetto’ da ulteriori disagi. Anche noi imprenditori siamo a nostra volta consumatori e sappiamo bene quale perdita di potere di acquisto abbiano subito gli stipendi e i redditi in questi ultimi tre anni.”

Per info 0376 231235




Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *