Pegognaga lancia il suo appello per il recupero del Teatro Comunale lesionato dal terremoto


A due mesi esatti dal terremoto che ha fatto tremare il nord Italia, Pegognaga – tra i Comuni più colpiti della Provincia di Mantova, lancia il suo appello per il recupero del Teatro Comunale, gravemente lesionato dalle scosse del 20 e del 29 maggio scorso.

Eppela.com Teatro Anselmi Pegognaga (Mantova)Il Teatro Anselmi di Pegognaga è stato duramente colpito e ha subito gravi danni in conseguenza del terremoto del 29 maggio 2012. Attualmente è inagibile e pertanto chiuso a qualsiasi attività.

La volontà dell’Amministrazione Comunale, dopo lunghi anni di investimento e successo, è quella di recuperare la struttura architettonica del Teatro Anselmi, un recupero che tuttavia richiederà tempo e risorse.

L’attività teatrale di Pegognaga non vuole interrompersi e l’Amministrazione Comunale è già al lavoro per allestire una tensostruttura dove ospitare le prossime stagioni teatrali per continuare ad offrire una proposta culturale interessante a tutto il territorio dell’Oltrepo’ mantovano e alle limitrofe province di Modena e Reggio Emilia.

I costi per recuperare il Teatro Anselmi sono superiori ai 3 milioni di euro. La tensostruttura avrà un costo annuo di affitto di circa 70.000 euro.

Queste le parole del Sindaco Dimitri Melli: “Possiamo farcela, ma abbiamo bisogno di condiserazione e sostegno”.

Un appello che ha già raccolto l’attenzione di importanti realtà del mondo dell’arte, della cultura, e della politica che hanno dato vita ad un gruppo di sostegno al Teatro Anselmi.

Tra i nomi spiccano anche quelli di artisti di fama nazionale come Lella Costa, Zuzzurro e Gaspare, e Angelo Branduardi. Quest’ultimi – tra gli ospiti d’eccezione al Comunale nelle ultime stagioni, si sono uniti per la realizzazione di un video a sostegno della causa. Grazie alle vostre donazioni potermo dare continuità alle attività teatrali.

Fate un’offerta tramite eppela: http://eppela.com/ita/projects/244/teatro-anselmi-di-pegognaga




Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *