UniCredit punta sull’innovazione e internazionalizzazione delle imprese mantovane


Unicredit BancaSono 60 le imprese mantovane accompagnate all’estero da UniCredit in 12 mesi. Inoltre, a fronte dei 7.5 miliardi messi a disposizione in tre anni dalla banca per le imprese della Regione, UniCredit ha erogato da inizio 2012 circa 2,8 miliardi di euro, di cui oltre 59 milioni di euro sono le nuove erogazioni della banca per la imprese del territorio mantovano. Dei 2,8 miliardi erogati da UniCredit in Lombardia, quasi 2,1 miliardi di euro di nuova finanza (di cui oltre 25 milioni di euro per la provincia di Mantova) sono andati a sostegno della liquidità e del finanziamento del circolante, oltre 270 milioni (2 milioni a Mantova) sono stati destinati al rafforzamento patrimoniale e al sostegno alla crescita dimensionale delle imprese e circa 460 milioni (32 milioni a Mantova) al supporto alla nuova imprenditoria e all’innovazione. L’innovazione delle imprese e l’importanza delle nuove tecnologie per la crescita e lo sviluppo delle aziende è stato anche al centro della presentazione del Rapporto Piccole Imprese di UniCredit, dal titolo “Sfide e opportunità della digitalizzazione”, di cui sono stati resi noti oggi a Mantova i risultati locali relativi alle aziende lombarde. Il Rapporto, giunto alla sua nona edizione e realizzato attraverso interviste realizzate su un campione di 1,000 imprese della Lombardia, indaga su quanto la digitalizzazione ha cambiato l’interazione tra sistema scientifico-tecnologico e apparato produttivo e cerca di comprendere come le tecnologie digitali hanno mutato il modo di produrre, di scambiare e di comunicare tra le aziende. “La digitalizzazione in questi anni ha profondamente cambiato i processi produttivi, tanto da essere riconosciuta come un potente fattore propulsivo di sviluppo economico – ha affermato Monica Cellerino, Regional Manager per la Lombardia UniCredit. L’Italia sconta un ritardo in termini di digitalizzazione rispetto agli altri Paesi industrializzati. La Lombardia si distingue con dati superiori alla media nazionale, tuttavia è necessario anche nella Regione ridurre il digital divide, inteso come gap causato da diverse possibilità di accesso alle infrastrutture digitali e da differenti capacità d’uso del canale Internet, perché rischiamo di perdere posizioni competitive nei confronti delle altre Nazioni e di lasciarci sfuggire una occasione di sviluppo per le nostre imprese, già fortemente indebolite dalla congiuntura economica negativa. Incrementare l’utilizzo delle nuove tecnologie, infatti, può consentire alle imprese della Regione una maggiore efficienza e flessibilità, che può favorire attività strategiche quali l’innovazione e la ricerca di nuovi mercati all’estero che oggi appare come la principale via di uscita dalla crisi per le piccole imprese del territorio” “Il commercio elettronico nel Paese e in Lombardia mostra ampi margini di sviluppo – ha commentato Aldo Prost, Area Manager Mantova e Cremona di UniCredit. L’indagine presentata oggi, evidenzia come, pur in un contesto di competitività delle PMI lombarde, rispetto al tema dell’e-commerce le aziende della Regione presentano un gap rispetto alla media nazionale: il 27,5% delle piccole imprese lombarde che esportano, infatti, svolgono la loro attività di vendita all’estero tramite il commercio elettronico, contro una media nazionale del 30%. E’ necessario quindi accrescere ed incentivare l’utilizzo dell’ e-commerce per le imprese della Regione, perché può essere un fattore in grado di favorire l’accesso ai mercati esteri, consentendo spesso di superare le barriere dimensionali. Ed è principalmente sull’internazionalizzazione che lavoreremo a Mantova nel corso del 2013, al fine di incentivare le aziende del territorio alla ricerca di nuove opportunità di business. In questo possiamo offrire una partnership distintiva per le imprese Mantovane, grazie alla unicità della Rete di UniCredit nel mondo, presente in 50 Paesi. Lavoreremo su iniziative di Business to Business, per mettere in contatto gli imprenditori con potenziali acquirenti esteri e sfrutteremo al meglio il nostro nuovo portale dedicato all’internazionalizzazione unicreditinternational.eu attraverso il quale le imprese possono avere un quadro completo del Paese in cui esportare, oltre ad informazioni sul settore di appartenenza e all’ identificazione e alla valutazione di affidabilità dei potenziali clienti esteri”




Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *