Riseria Lucchi di Ostiglia premiata al 10° Concorso Radicchio d’Argento


OSTIGLIA: LA RISERIA LUCCHI PREMIATA AL 10° CONCORSO “RADICCHIO D’ARGENTO”

Radicchio d'Argento 2014 castello di Bevilacqua (Verona)


Mercoledì 26 febbraio 2014 la Riseria Lucchi di Ostiglia si è segnalata al “Radicchio d’argento“, ovvero il decimo concorso gastronomico tenutosi nel trecentesco castello scaligero di Bevilacqua (VR).

Il ristorante mantovano ha trionfato con i bigoli caserecci al vino con ragù di radicchio, deliziando i 150 commensali della cena di gala e in primis l’imprenditore Giovanni Rana a capo della giuria tecnica con autorità, esperti di gastronomia di fama nazionale, giornalisti del settore.

Non è stato facile, perchè il radicchio rosso di Verona è sì una cicoria duttile in cucina che sposa sia il dolce che il salato, ma è anche un ortaggio che non è riconosciuto e differenziato ancora in toto dal cugino trevigiano quale espressione culturale di un territorio, quello veronese, che vuole diffonderlo e contrassegnarlo in zone dove spadroneggia quello di Treviso.

A tale scopo sono stati coinvolti ristoranti extra muros del Veneto, della Lombardia, dell’Emilia Romagna e del Trentino Alto Adige e le loro ricette entreranno nelle guide di Enti ed operatori turistici.

Sul podio per i migliori piatti al radicchio locale, sono stati premiati da parte della giuria tecnica, il Ristorante Caminetto di Sustinenza di Casaleone per il tiramisù con crema al radicchio e, da parte della giuria popolare, il Ristorante La Colombara di San Vito di Legnago per il millefoglie cal radicchio e gamberi rossi.

Ma nel decennale del concorso il radicchio è stato promosso anche come volano dell’economia e come “Turismo, Salute e bellezza”, in occasione della conferenza pomeridiana tenutasi nel castello scaligero sul tema “Alimentazione e bellezza in attesa dell’EXPO 2015”, relativamente all’importanza dei prodotti IGP per il benessere fisico e nutrizionale.La kermesse è stata organizzata in collaborazione con la Regione del Veneto, la Provincia di Verona, la Camera di Commercio di Verona, la Federazione Coldiretti di Verona e il Consorzio del Radicchio di Verona.

E hanno presenziato all’evento Luigi Frigotto e Marco Ambrosini, rispettivamente assessori provinciali all’Agricoltura e alla Cultura-Identità Venete, il presidente Associazione Pro Loco Carpanea Caludia Defanti, il sindaco di Casaleone Marco Gennari, Paolo Grigoli consulente del Consorzio Grana Padano e del Consorzio Tutela e Valorizzazione del Radicchio di Verona igp, Piergiorgio Sambugaro, presidente del Gruppo agroalimentare Napoleon, Cristiana Furiani, presidente del Consorzio Tutela del Radicchio rosso di Verona, Roberto Iseppi, direttore del Castello di Bevilacqua; Claudio Valente, presidente di Coldiretti di Verona; presidente Confraternita Radicchio Rosso di Verona, Marisa Saggiotto presidente di Fidapa Legnago, Cinzia Moretti e Marilena Coltro rispettivamente presidente e vice della Commissione Pari Opportinità di Legnago, Aldo Lorenzoni e Annalisa Mancini del Consorzio di Tutela Vini Soave e la sommelier di Castello di Bevilacqua Daniela Soncini.




Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *