Nasce il Rotary Club Nuvolari Mantova Est


Nasce il Rotary NUVOLARI in onore del campione-mito di Castel D’Ario

logo Rotary Club Mantova Est NuvolariE’ come se Tazio “fosse rinato Rotariano” a Castel D’Ario nel 61° anniversario della propria scomparsa (avvenuta a Mantova nel 1953).

Era Rotariano, Tazio, ed anche per questa ragione il Governatore del Distretto 2050 del Rotary International, Fabio Zanetti, gli ha dedicato il 2° Club costituito nell’anno rotariano 2014-2015.

Il territorio del Rotary Club “Nuvolari” corrisponde geograficamente alla parte est mantovana, esattamente relativa al comprensorio dei comuni di: Castel D’Ario, Bigarello, Castelbelforte, Marmirolo, Roncoferraro, Roverbella e Villimpenta.

L’entusiasmo dei giovani soci, sommato all’esperienza dei tre soci fondatori Past President (Carlo Conte, Dante Valerio Ghisi e Paolo Nolli), ha creato un connubio vincente: di freschezza, di novità e di impegno.

Ghisi è il Presidente che guida e guiderà il sodalizio per i primi due anni rotariani. Grande contributo alla realizzazione del nuovo Club è stato apportato da Lorenza Dordoni, Assistente del Governatore e collaboratrice di Ghisi nella Commissione Distrettuale Efficienza Effettivo ed Espansione, che ha fra i propri compiti istituzionali la creazione di nuovi Club nell’ambito del Distretto 2050, che comprende le province di Brescia, Cremona, Lodi, Mantova, Pavia, Piacenza ed alcuni comuni della provincia di Milano.

Il 69° Club del territorio suddetto si prefigge di perseguire tutti gli obiettivi stabiliti dal Rotary International e dal Distretto con le “cinque vie d’azione” come linea guida: Nuove Generazioni, Azione interna, Azione professionale, Azione di interesse pubblico ed Azione internazionale.

“Che cos’è il Rotary?” è il primo impegno da promuovere nel territorio, per far conoscere sia il Rotary che i suoi progetti e per poter arruolare altri nuovi soci, in luoghi vocati alla agricoltura, all’agroindustria ed all’industria meccanica leggera. Non mancheranno gli eventi in onore dell’ispiratore del nome del nuovo Rotary Club, il quale diceva che è nella natura dell’uomo guardare avanti, andare veloci, per dimostrare che il limite può essere spostato e provare così a se stessi che si è ancora vivi.




Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *