Sciopero dipendenti Cooperativa Solaris a Poggio Rusco 22/02/2016


FUNZIONE PUBBLICA CGIL
Mantova 19 febbraio 2016
Comunicato stato di sciopero

sciopero CDI Poggio Rusco (MN) 22 febbraio 2016La scrivente segreteria provinciale di FP CGIL di Mantova ha proclamato lo sciopero per la giornata di Lunedì 22 febbraio 2016 dalle ore 8.00 alle ore 13.00 presso il CDI di Poggio Rusco, gestito in appalto dalla Cooperativa Solaris di Carpi.

La situazione è degenerata a luglio 2015 dopo che ci sono stati importanti ritardi nei pagamenti degli stipendi relativi alle mensilità di aprile – maggio 2015. Sono partite subito le varie segnalazioni al Committente di questi forti ritardi nei pagamenti, lo stesso ha provveduto a chiedere formali spiegazioni ed ha anche applicato delle sanzioni. A inizi di ottobre 2015 si è ripetuto lo stesso problema, i lavoratori non avevano percepito la retribuzione di agosto. Atre segnalazioni, diffide ad adempiere da parte dell’organizzazione sindacale e Comune. Nessuna risposta da parte della Cooperativa, i dipendenti ricevevano dai coordinatori (circa 7 che si sono avvicendati dall’inizio del servizio novembre 2012) e da qualche operatore della sede, risposte evasive chiedendo di portare pazienza; al sindacato e al Committente nessuna risposta ufficiale. Per un certo periodo manca il coordinatore, i dipendenti non avevano un riferimento, viene anche a mancare il medico, lo stesso non veniva pagato da mesi, il materiale insufficiente per poter svolgere il servizio .

Si arriva alla proclamazione dello stato di agitazione e al tentativo di raffreddamento davanti al Prefetto il 28/01/2016, allo stato delle cose vi erano stipendi non percepiti dai lavoratori di settembre per qualche operatore, ottobre-novembre 2015 e 13a mensilità. Chi rappresenta in quel momento la Cooperativa su delega, afferma che ci sono solo problemi di liquidità. Si fa presente che la situazione economica dei lavoratori sta peggiorando, gli stessi non hanno i soldi per mettere la benzina e andare al lavoro, c’è chi ha chiesto prestiti ad amici e parenti. Il Comune presente dichiara l’intenzione di non proseguire il contratto di appalto. Lo stesso ha dovuto bloccare delle fatture su ordine del Tribunale di Modena. Sbloccate le fatture da parte del committente, arrivano ai primi di febbraio acconti della mensilità di ottobre e non a tutti gli operatori. A oggi è stato fatto il saldo di ottobre e il pagamento di novembre 2015. Contattata la cooperativa asserisce che pagherà quanto dovuto a tutti i lavoratori appena il Comune salderà il dovuto. Il committente riferisce di aver pagato quanto dovuto.

Questo profondo clima di incertezze spaventa notevolmente i lavoratori , che temono fortemente di non recuperare più quanto dovuto.

P. La segreteria provinciale FP-CGIL
Morena Trasforini




Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *