Progetto Professionalità 2015/2016: in provincia di Mantova 3 vincitori


Bando Progetto Professionalità 2015 2016 giovani Mantova LombardiaSono in tre a rappresentare i ragazzi di talento delle terre virgiliane e sono pronti a partire per l’estero per rientrare in Italia con un bagaglio di conoscenze e competenze ancora più ricco.

Eugenio D’amico, Andrea Meneghelli e Luca Mora sono tra i 25 vincitori della XVII edizione del bando “Progetto Professionalità Ivano Becchi”. Grazie all’iniziativa promossa, ogni anno, dalla Fondazione Banca del Monte di Lombardia a favore della crescita professionale dei giovani lombardi potranno vivere esperienze di formazione pratico-lavorativa personalizzate completamente finanziate e gratuite.

Eugenio, 29 anni, di Mantova, sfrutterà l’opportunità ottenuta per tornare a specializzarsi nel luogo in cui ha preparato la sua tesi di laurea in farmacia: il dipartimento di farmacognosia dell’Università di Montevideo, in Uruguay.

“Il mio obiettivo è acquisire ottime conoscenze nella ricerca e analisi di composti attivi derivati da funghi, per poter continuare ad occuparmi di micoterapia anche in Italia, trovando un centro in Lombardia con cui collaborare e sviluppare questa branca”, spiega.

Il dottor D’Amico, erborista e naturopata, lavorerà, dunque, su ceppi di funghi da cui ricavare composti antibatterici, di origine naturale, alternativi agli antibiotici tradizionali.

Andrea, 27 anni, originario della provincia di Verona, è un architetto, ricercatore del Polo Territoriale di Mantova del Politecnico di Milano. Opererà in un settore di ricerca ben definito, affrontando un caso di studio reale: il confronto tra un progetto di rifunzionalizzazione di un edificio esistente e di un edificio di nuova costruzione a livello di impatto ambientale. Presso uno dei più grandi ed influenti studi di architettura, design d’interni e progettazione urbana nel mondo, il SOM di Chicago, il dottor Meneghelli analizzerà l’embodied energy-carbon dei due tipi di immobile. “Tale parametro misura la quantità di emissione di anidride carbonica durante tutte le fasi di vita dell’edificio, compresa la sua costruzione”, chiarisce. Il suo obiettivo è misurare il differente grado di sostenibilità ambientale dei due progetti, a favore degli interventi di recupero edilizio.

Luca, infine, 31 anni, di Sermide, è laureato in architettura e, come Andrea, è ricercatore del Polo Territoriale di Mantova, in particolare dell’ Unità di Ricerca TEMA (Technology Environment & Management). Il suo campo d’azione sarà quello delle smart cities, realtà in cui le tecnologie dell’informazione e della comunicazione sono sfruttate in maniera intelligente per favorire lo sviluppo e la rigenerazione del contesto urbano.

“Potrò acquisire nuove competenze che mi permetteranno di rispondere in modo adeguato alle richieste di un mercato promettente e in rapida espansione”, dichiara il dottor Mora, che si recherà in Scozia, dove, presso il Centre for Sustainable Communities dell’Edinburgh Napier University, perfezionerà l’approccio metodologico e le tecniche di rilevazione dati per acquisire le conoscenze necessarie per lo sviluppo di strategie smart-city in diversi contesti europei.

Senza sostenere alcuna spesa, tramite Progetto Professionalità, i tre giovani rientreranno in patria con tante marce in più in grado di fare la differenza nella loro carriera.




Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *