Grande successo per l’arrivo di Johnny 5 a La Favorita di Mantova per dire No contro il bullismo


GRANDE SUCCESSO PER L’ARRIVO DI JOHNNY 5, il ROBOT sceso in campo per sostenere il progetto promosso da La Favorita per dire No contro il bullismo.
Migliaia i partecipanti a favore di una cultura che metta al bando la violenza.
Sfilata cosplay: Premio all’interpretazione dei personaggi Trilly e Predator.

cosplay Favorita Mantova 2017Tecnicamente perfetto, ma soprattutto simpatico, capace di interagire con piccoli e grandi, e di trasmettere un messaggio contro la prevaricazione e il bullismo: è il robot Johnny 5, protagonista del film Corto Circuito, che acquista sentimenti ed emozioni e ci fa imparare a non giudicare le apparenze, ma a conoscere le persone.

Insieme a lui Domenica 15 OTTOBRE 2017 – a La Favorita – c’era Iron woman mark 1616, altra bellissima e stupefacente creazione che ha lasciato a bocca aperta il pubblico presente, di ogni età.

Johnny 5 aveva una missione speciale: essere testimonial dell’evento #noalbullismo per combattere contro le ingiustizie trasmettendo a bambini e adulti un messaggio positivo, di rispetto per gli altri, di lotta contro ogni forma di violenza.

L’evento ha previsto anche la sfilata cosplay, con premiazione dei migliori cosplayer, femminile e maschile.

I vincitori sono Tatiana Guerra con il personaggio di Trilly, tratto da Peter Pan, da Limena (Pd) e Marco Caligola da Parma con il personaggio di Predator.

Hanno preso parte alla sfilata anche due piccoli cosplayer, travestiti da strega e da Superman.

Tantissimi inoltre i bambini che hanno partecipato alla sfilata a fianco dei cosplayer, indossando maschere da supereoi e facendo foto a fianco dei loro beniamini.

“Ed è proprio dai bambini che bisogna partire” , afferma Daniele Franzetti, Direttore del centro commerciale La Favorita – “Sono loro il nostro futuro, e da loro parte il cambiamento. Per questo è fondamentale coinvolgerli e sensibilizzarli fin da piccoli rispetto un tema così importante come il bullismo, affinché crescano con una visone “sana” della vita, basata sul rispetto del prossimo”.




Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *