Le primizie primaverili del Cinema del Carbone


Sabato scorso il Cinema del Carbone di piazza Don Leoni a Mantova ha compiuto sei anni.
L'evento ha costituito anche l'occasione per presentare le tante rassegne che animeranno questa primavera cinematografica.
Ma sulle sorti del Teatreno, che ospita il Teatro all'Improvviso e il Cinema del Carbone, c'è ancora tanta incertezza: per questo è stata lanciata la campagna "Non cedo il mio posto!".

Ai nostri microfoni Alessandro Della Casa, presidente del Cinema del Carbone.
[francesca pasolini]

Di seguito la lettera che illustra la campagna "NON CEDO IL MIO POSTO!":

Care amiche, cari amici,
come qualcuno di voi avrà letto sui giornali, c'è molta incertezza sulle sorti del Teatreno. Le notizie non sono molte. Quel che è certo è che il Dopolavoro Ferroviario ha deciso di vendere lo spazio di Piazza don Leoni. Quello che ancora non si sa è a chi andrà in mano e a quale scopo verrà utilizzato. La possibilità che – al posto del teatro-cinema come voi lo conoscete – sorgano appartamenti, banche o uffici, esiste.
La trattativa è in corso. Il Comune di Mantova, su azione del Sindaco, si sta impegnando a mantenere l'attuale destinazione d'uso dello spazio e a far sì che al Teatreno venga gestito da chi oggi ci lavora (il Teatro all'Improvviso e il Cinema del Carbone). Ma non è ancora un risultato acquisito.
Noi crediamo che valga la pena continuare ad andare al Teatreno per vedere un film o uno spettacolo, per assistere a una rassegna di teatro ragazzi o a una di cinema. Noi soprattutto non abbiamo alcuna intenzione di smettere di fare cinema qui in piazza don Leoni, e pensando anche alle tante associazioni con cui abbiamo lavorato e stiamo lavorando, agli ospiti che partecipano ai nostri eventi, a tutti voi che ci seguite con attenzione, siamo assolutamente determinati a non cedere il posto.
Se anche voi volete evitare che il cinema sgomberi, vi chiediamo di partecipare a NON CEDO IL MIO POSTO, una campagna a favore del cinema del carbone.

Le primizie primaverili del Cinema del Carbone in cartellone:

da martedì 14 aprile (ore 21.15)
In collaborazione con Arcigay “La Salamandra”
Quasi niente
Quinto anno di rassegna per il cinema a tematica omosessuale. Quasi niente. I dettagli che contano propone una significativa selezione di film con l’intervento in sala di alcuni degli autori. Il programma prevede Poltergay di Eric Lavaine (14/04); Un altro pianeta di Stefano Tummolini (21/04); Immagine me and you di Ol Parker (28/04); Eternal Summer di Leste Chen (05/05); e 2 volte genitori di Claudio Cipelletti (12/05).
Abbonamento alla rassegna (5 film): 15 euro; ingresso singolo spettacolo: soci cinema del carbone e soci arcigay 4 euro; non soci: 6 euro.

da sabato 18 aprile (ore 16.00)
In collaborazione con Associazione “Scuola senza frontiere” e Fondazione Conte Gaetano Bonoris
Senza frontiere. Il cinema e i migranti
Grandi movimenti di persone investono tutto il pianeta. Da dove vengono le donne e gli uomini stranieri che arrivano nel nostro paese? Una serie di incontri e di film sui mondi di origine dei migranti, il sabato pomeriggio, con cadenza mensile. Nella stagione primaverile sono previsti Barcelone ou la mort di Idrissa Guiro (18/04); Non cederemo né ora né mai di Danilo Licciardello e I mangiatori di ferro di Shaheen Dill-Riaz (16/05); Ombrello di Du Haibin (06/06).
Tutte le proiezioni sono a ingresso libero.

da mercoledì 28 aprile (ore 21.15)
In collaborazione con l’Associazione “Maria Bianchi”
Un altro da me – Vita e voci di malati
Il percorso di avvicinamento alla morte raccontato attraverso il cinema. Le parole e i gesti di chi sta per andarsene, la capacità di vivere e condividere questa esperienza da parte di chi resta in tre film tra finzione e documentario. Il programma prevede: La posizione del leone sdraiato di Mary Jimenez (29/04), Son frère di Patrice Chéreau (13/05); Kill Gil (Vol II e ½) di Gil Rossellini (27/05)
Tutte le proiezioni sono a ingresso libero.

da venerdì 8 a lunedì 11 maggio (ore 21.15)
In collaborazione con Associazione Scuola di Cultura Contemporanea
Il ciliegio e la spada – Il Giappone al tempo dei samurai
Il codice d'onore dei samurai ha fortemente influenzato la cultura giapponese, in cui ancor oggi sopravvive l'influenza di questo sistema di valori morali e religiosi. Non è un caso quindi se il cinema del sol levante è più volte ritornato sulla figura del samurai. Il cinema del carbone propone una rassegna di quattro film e una serie di iniziative collegate per svelare la ricchezza e il fascino dell'epoca segnata dalla presenza di questi cavalieri dell'estremo oriente. I film proposti nella rassegna sono Kagemusha di Akira Kurosawa (08/05); Il crepuscolo del samurai di Yoji Yamada (09/05); Morte di un maestro del tè di Kei Kumai (10/05); Seppuku/Harakiri di Masaki Kobayashi (11/05). Il programma completo delle altre iniziative collegate sarà reso noto nelle prossime settimane.

da giovedì 28 maggio (ore 21.15)
In collaborazione con Comitato Carcere e Territorio di Mantova
Chi è dentro è dentro – Incontri tra cinema e carcere
Il carcere è uno dei luoghi più frequentati nella storia del cinema. Partendo da alcune delle più recenti produzioni italiane del cinema di finzione e del documentario, il pubblico avrà modo di portare lo sguardo sui diversi aspetti dell’esperienza carceraria. I film previsti sono Tutta colpa di Giuda di Davide Ferrario (28/05 – in attesa di conferma), Riserva naturale chiusa di Alberto Valtellina e Le funambole di Sara Luraschi e Andrea Piazzalunga (04/06); Jimmy della collina di Enirco Pau(11/06).

sabato 13 giugno (dalle ore 20.00)
Carboni ardenti – una lunga serata di cinema erotico
L'estate si avvicina e la gente si sveste. Per festeggiare nella pienezza dei sensi l'arrivo della stagione calda, ecco che il cinema del carbone propone una non-stop di film di culto del cinema erotico, il genere più antico, infiltrante e trasformistico della storia del cinema. Tra un film e l’altro verrà offerto qualche rinfresco… corroborante. Il programma è in via di definizione.
L’ingresso è riservato ai soci del cinema del carbone: biglietto unico (3 film) 5 euro, tessera 2008-9 7 euro.




Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *