Molière al Teatro Ariston di Mantova 31/03/2011


Molière / La scuola delle mogli
Teatro Ariston di Mantova
Giovedì 31 marzo 2011, ore 21.00

Si chiude all’insegna di Molière, nell’originale versione del Teatro di Dioniso, la stagione 2010-2011 di MANTOVA TEATRO, stagione teatrale organizzata dalla Fondazione “Umberto Artioli” Mantova Capitale Europea dello Spettacolo su incarico del Comune di Mantova.

Molière al Teatro Ariston di Mantova

Molière al Teatro Ariston di Mantova

Il pluripremiato regista e attore Valter Malosti (Premio dell’Associazione Nazionale Critici Italiani 2009 e Premio Ubu 2009 per la miglior regia degli spettacoli Quattro atti profani di Antonio Tarantino e Shakespeare / Venere e Adone) affronta per la prima volta Molière.

Giovedì 31 marzo 2011 alle 21 sarà in scena sul palco mantovano dell’Ariston con il suo ultimo lavoro Molière/La scuola delle mogli, prodotto da Teatro di Dioniso e Fondazione del Teatro Stabile di Torino.

La Scuola delle mogli. Arnolphe, inventatosi “Signore del Ceppo”, è un ricco “originale”, feroce sbeffeggiatore delle disgrazie coniugali, pensatore sui generis, ossessionato dall’idea di costruirsi una moglie perfetta, una sorta di bambola innocente, schiava e ottusa, che lo risparmi dalle corna. Arnolphe sta per sposare la giovanissima Agnès, una trovatella che egli stesso ha cresciuto ed educato, con la complicità delle suore di un convento, nella più totale ignoranza. Ma la Natura sceglie percorsi imprevedibili e Agnès muterà in maniera travolgente il suo destino e quello di Arnolphe.

«L’École des femmes – scrive Cesare Garboli – andò in scena al Palais Royal il 26 dicembre 1662 (Molière, poco più che quarantenne, si era tra l’altro sposato da pochi mesi con la giovanissima Armande Bejart). Ebbe un successo immenso. Non ci fu una strada, una piazza, una fiera, un salotto dove occasione di chiacchiera giornaliera non fosse un verso zoppicante, una scena indecente, una battuta… dell’École des femmes. Con La scuola delle mogli, Molière svegliò la coscienza intellettuale di un pubblico di bottegai affezionato alle farse e mise in allarme un sistema costituito d’idee. Per due anni, tutta la Parigi aristocratica e borghese, non solo quella dei bottegai ma anche quella spregiudicata del femminismo prezioso e dei letterati alla moda, partecipò al linciaggio di un attore che stava dalla parte del pubblico, lo compiaceva, lo lusingava, e nello stesso tempo lo mobilitava contro di sé. Dame saccenti, preti virtuosi, attori in declino, giornalisti in vena di emergere furono i grandi registi di quella mai vista “passione” teatrale. Dentro e fuori la scena, sembrava che Molière recitasse tutte le parti… in tutta la storia del teatro moderno non esiste documento di più lucida ed oscura provocazione… come in una cellula dal grande sviluppo futuro, si celano nella Scuola delle mogli i germi del tema molieriano che la vita è malattia».

Lo spettacolo: note di regia
La scuola delle mogli ruota attorno a un’idea fissa: le corna. È il tema che attraversa tutta l’opera di Molière fino alla crudeltà derisoria del Georges Dandin. È una coazione comica alla catastrofe ma anche un’ossessione che diventa fobia vitale e cuore della commedia. È un testo che ha ricevuto un’attenzione distratta in Italia, perché la tragedia, annidata nella struttura di geniale farsa, complica maledettamente i piani di chi deve ricrearlo. Un altro tema che mi pare fondamentale è il rapporto malato di vittima-carnefice che suona sordo, come un inquietante basso continuo, in sottofondo a tutta la composizione degli scoppiettanti dialoghi tra Agnès e Arnolphe, che si aprono a squarci inaspettati di cruda verità. Colgo nella pièce un carattere visionario: il delirio in cui sprofonda Arnolphe al termine della commedia si trasforma in una vera e propria anatomia della rovina; rovina di cui è egli stesso l’artefice, come l’Alceste del Misantropo. Stabilito il fatto che La scuola delle mogli non è una semplice farsa sostengo che la farsa naturalmente debba conservarsi. Se non si fa ridere con questo testo si fallisce, e penso alla grande lezione delle farse alte e allucinate di Leo de Berardinis e del suo alter ego: il Leòn deBerardin di Scaramouche».
Immagino uno spazio circolare, una sorta di isola che, riaffiorata, ha portato alla luce le rovine di un palazzo o di una piazza, dominata da un grande ceppo e dalle sue radici inaridite. Sullo sfondo si staglia un grande armadio rosso, scatola magica, casa e prigione. Attraverso un processo di ri-creazione del testo, seguendo anzitutto un intuito musicale e guidato nella traduzione da un gesto linguistico che deve poi farsi teatro, ho costruito una partitura che passando per il melodramma verdiano arriva alla canzone, all’hip hop, e ho trovato una misura espressiva in versi liberi, giocando con la lingua attraverso rime, assonanze e ritorni di suono, ma con una grande economia di sillabe; a volte screziandola con un francese maccheronico, eco della lingua artificiale dei comici italiani che dominavano i palcoscenici parigini del ‘600. L’utopia è ritrovare, almeno in piccola parte, la folgorante musica di Molière, che nell’originale francese deflagra e scintilla per mezzo del verso alessandrino e delle rime, vibrando con una corda quasi pre-mozartiana, e trovare uno spazio nell’immaginario delle persone che condivideranno con noi questo viaggio, oggi. Valter Malosti

Giovedì 31 marzo 2011, ore 21
Teatro Ariston – Mantova
Teatro di Dioniso
Fondazione del Teatro Stabile di Torino
Molière/La scuola delle mogli

Uno spettacolo di Valter Malosti

Personaggi e interpreti:
Arnolphe, alias Signore del Ceppo: Valter Malosti
Chrysalde, Alain: Mariano Pirrello
Georgette, una vecchia, le massime: Valentina Virando
Agnès: Giulia Cotugno
Horace: Marco Imparato
Enrique: Fausto Caroli
Oronte, un notaio: Gianluca Gambino

Versione italiana e adattamento di Valter Malosti
Suono: Gup Alcaro
Costumi: Federica Genovesi
Scene: Carmelo Giammello
Luci: Francesco Dell’Elba
Foto di scena: Tommaso Le Pera
Produzione: TEATRO DI DIONISO – FONDAZIONE DEL TEATRO STABILE DI TORINO con il contributo di Regione Piemonte, con il sostegno del Sistema Teatro Torino con la collaborazione della Fondazione del Circuito Teatrale del Piemonte

 

Prezzo biglietti:
intero PLATEA 18 euro, ridotto studenti 6 euro (solo in prevendita allo Spazio Mtt)

Dove acquistare i biglietti:
Spazio Mtt, via San Longino 1/b, Mantova (senza diritti di prevendita)
Aperto dal lunedì al sabato dalle 15 alle 19 (il giovedì anche dalle 10 alle 13)
Tel. 0376/363079
mantovac@capitalespettacolo.191.it.
www.ticketone.it

In teatro – biglietteria aperta un’ora prima dell’inizio dello spettacolo

ORGANIZZAZIONE
Fondazione “Umberto Artioli” Mantova Capitale Europea dello Spettacolo
L.go XXIV Maggio, 13 – Mantova
Tel: 800 085 992
fondazione@capitalespettacolo.it
www.capitalespettacolo.it

UFFICIO STAMPA
Serena Marchini
Tel 348 7458404
fondazionespettacolo@gmail.com

 




Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *