Il Vangelo visto da un cieco al Teatro Sociale di Villastrada 14/04/2012


Il Vangelo visto da un cieco. Un’altra Pasqua al Teatro Sociale

Teatro Sociale di Villastrada (Mantova)

Teatro Sociale di Villastrada (MN)

Sabato 14 aprile 2012, alle ore 21,00 secondo appuntamento pasquale al Teatro Sociale di Villastrada. Dopo la Musica Sacra, in scena Il Vangelo visto da un cieco coprodotto da Teatro dell’Orsa e Compagnia Bella.

Spettacolo che rappresenta il tema evangelico con freschezza ed allo stesso tempo acutezza di lettura: esemplificativo il titolo dell’opera, ossimoro che è cardine della drammaturgia di Giampiero Pizzol.

Durante la Pasqua a Gerusalemme alcuni personaggi si incontrano nell’anticamera del Sinedrio, in attesa di testimoniare al processo di Gesù. L’esaltazione scanzonata e fiduciosa del cieco Bartimeo contrasta con la drammatica figura della Samaritana. Tra i due irrompe la moglie di Zaccheo, giunta da Gerico in cerca del marito, corso a testimoniare in favore del Messia. Un intreccio di paesaggi e identità diverse, la luce del miracolo e l’ acqua della vita, universi maschili e femminili a confronto fra loro e soprattutto a confronto con il Cristo.

Il Teatro Sociale rimette sotto l’attenzione dello spettatore l’umanità e quindi anche se stesso, questa volta però in relazione al Cristianesimo. Si ricorda inoltre che Il Vangelo visto da un cieco è stato vincitore del Festival I teatri del Sacro.

Prenotazioni in biglietteria:
Teatro Sociale, Via XX Settembre, 8 – Villastrada (MN)
Telefono 0375 89315
Orari di apertura della biglietteria: giovedì e venerdì dalle ore 17.00 alle ore 19.00; sabato dalle ore 19.00; domenica dalla ore 15
Prenotazioni online: visitare il sito istituzionale www.associazioneteatrosocialedivillastrada.it oppure accedere direttamente all’indirizzo www.vivaticket.it.

Per mangiare è possibile usufruire del servizio cenadopoteatro presso Il Ristorante Nizzoli a soli 10,00 € (piatto di tortelli e bevanda). E’ gradita la prenotazione contattando il numero 0375 838066.




Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *