Mostra fotografica “Rumori dal Silenzio” Feltrinelli di Mantova


RUMORI DAL SILENZIO. Il degrado rurale racconta luoghi e presenze in un’esposizione fotografica alla Feltrinelli dal 28 aprile al 10 maggio 2012.

Mirko Di Gangi - Emanuela Cerutti: Mostra fotografica Mantova Feltrinelli Sabato 28 Aprile 2012 alle ore 18,00 la Feltrinelli di Mantova (Corso Umberto I, 56), inaugura la mostra fotografica di Mirko Di Gangi e di Emanuela Cerutti: “Rumori dal silenzio”.

La mostra, presente fino al 10 maggio nella sala espositiva della libreria, è il frutto di una ricerca fotografica sul tema del degrado rurale nel territorio mantovano e presenta due sguardi diversi sui luoghi abbandonati della nostra civiltà contadina, intesi sia come spazi di silenzio fisico, che come condizione di solitudine definitiva dell’uomo.

I ventiquattro scatti dei due giovani autori mantovani, descrivono ambienti e zone rurali vissute dai nostri antenati, ora abitate come da presenze silenziose, che sembrano ritornare per osservare il risultato di un presente desolato e talvolta angosciante in cui dover fluttuare.

Questi “spiriti” non si vedono ma si avvertono e sembrano osservarci; prima da una vecchia porta chiusa con un catenaccio, poi da una fila di sedie dimenticate accanto ad un muro, poi di nuovo da un buio corridoio di una stalla, e così via, da altri inaspettati angoli remoti.

La mostra fotografica racconta inoltre, una storia di luoghi appartenuti alla vita di antiche generazioni e che fa parte delle nostre radici: quelle degli ambienti del nostro territorio, fatti di corti e cascine con stalle e solai, di essiccatoi di inizio secolo e di strumenti dell’agricoltura.

L’esposizione si articola in due serie di foto: una curata da Di Gangi, in un bianco e nero marcato, come a rievocare nello stile quelle visioni del passato ormai distanti dal nostro immaginario odierno; l’altra curata con elaborazioni digitali da Cerutti, tesa a far scaturire con visioni cupe e immagini sfocate, quel senso di “presenza” percepito nei luoghi degli scatti.




Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *