Famille De La Rue 2014: Festival Artisti di Strada a Mantova


Famille De La Rue
Festival Internazionale Artisti di Strada
Mantova – centro storico
3-4 maggio 2014

Famille De La Rue 2014 MantovaSabato 3 e domenica 4 maggio 2014 le strate del centro storico di Mantova ospiteranno il festival degli artisti di strada Famille De La Rue.

Il programma prevede la presenza di artisti di vario tipo – ventriloqui, circensi, madonnari, clowns, giocolieri – che daranno vita a spettacoli e performace che spaziano dalle bolle giganti ai mimi e clown, dal ballo creativo alla musica della tradizione, dai workshop alla recitazione del Teatro Magro, al percorso tra storia e fantasia.

Famille De La Rue è un evento promosso dall’Associazione Arte dell’Assurdo, con il patrocinio di Comune di Mantova, Provincia di Mantova, della Confcommercio di Mantova e della Fondazione Umberto Artioli.

PROGRAMMA FESTIVAL ARTISTI DI STRADA 2014 MANTOVA
Artisti invitati

Acchiappastorie: “Teatro della spontaneità”
È un teatro che parte dai temi di tutti per arrivare alla storia di ciascuno, la piccola semplice vicenda che diviene testo teatrale e narrazione scenica.
La compagnia di teatro della spontaneità, Acchiappastorie, è composta da attori che si allenano all’improvvisazione teatrale e alla spontaneità presso il teatro dello studio di psicoterapia psicoanalitica e psicodramma di Mantova.

La compagnia produce spettacoli per la gente di tutti i giorni, riunita nella voglia di raccontare le proprie storie e vederle rappresentate sul palcoscenico di un teatro, oppure per comunità ospedaliere e
terapeutiche, assemblee scolastiche, associazioni culturali. Gli attori si incontrano due volte al mese, per allenare la propria spontaneità: corporea, verbale, poetica e musicale, che con cura e passione mettono a disposizione della gente. Regista e direttore della compagnia è Paolo Carrirolo: psicologo psicoterapeuta, direttore di psicodramma classico.

Alessandro Angeli
Artista di strada da oltre 12 anni insegna a migliaia di persone a fare bolle di sapone giganti e non c’è una persona dai 3 ai 99 anni che non abbia imparato.
La sua attività si svolge ovunque ci sia la possibilità di sviluppare l’interazione con il pubblico.
Quando sarete convinti che più grandi non è possibile realizzarne… lui vi stupirà nuovamente.

Elisa Arcari: “Street Food”
Gestisce la sede di Mantova della scuola “Peccati di Gola” di Roberta Molani. Insegnante di tecniche di cucina ad un pubblico di appassionati, si occupa anche di divulgazione della cultura gastronomica locale rivolta a settori del turismo straniero.
Il progetto Street-Food consta di una postazione mobile allocata in centro città (Piazza Marconi). Si presenta in perfetta sintonia con il tema “street” del festival e si propone di rendere fruibile al pubblico di passaggio durante la manifestazione la qualità gourmet di un buon piatto, racchiudendola in un “panino”. Si utilizzerà per l’evento la struttura “L’Ape Gourmet Virgilio” (fornita dal Consorzio Latterie Virgilio, organizzatore e sponsor dell’evento), attrezzata come una vera cucina-mobile.
Il Menù sarà composto da tre tipologie di panino. Si propone attraverso le ricette di esaltare alcuni prodotti del territorio, come formaggi e salumi di qualità e verdure di stagione, alcuni dei quali forniti dai nostri sponsor.

Ariane Becker: “Balla Anima Balla!”
Musicista e fisarmonicista per passione. Ha iniziato a suonare la fisarmonica, accompagnando improvvisazioni e azioni di teatro di strada.
Ha collaborato in diversi progetti musicali, teatrali e d’arte, come solista e in ensemble. Ama suonare sotto il cielo aperto, nelle piazze di questo mondo, nei bar e alle feste, in luoghi soliti e insoliti, cogliendo l’ispirazione da tutto ciò che vede, sente e dalle persone che incontra.

Famiglia Belmonte: “Le Canzoni da marciapiede”
Una “cantattrice” tutta pizzi e piume, un pianista in canottiera e cilindro, una piccola monella col violino e dei personaggi strampalati che si prendono la scena, tra una canzone e l’altra, con le loro vicende in bilico tra il poetico, l’ironico e il grottesco.
Cronache di provincia, storie d’amore, corna e altri fatti, sulle note della canzone realista italiana, francese, tedesca con elementi di cabaret, per uno spettacolo dall’atmosfera retrò ma dai contenuti quanto mai attuali.
In scaletta brani di canzoni originali e successi di Edith Piaf, Marlene Dietrich, Natalino Otto, Milly e altre grandi voci della musica internazionale dagli anni ‘20 ai ’50.

Jordi Beltramo: “Jordi en solex”
Mimo, clown e performer con esperienza decennale nell’arte di strada, negli anni ha dato vita a diversi personaggi/performance, passando dalle statue viventi al mimo, al clown, al teatro, alla danza esibendosi nei più rinomati festival di teatro di strada e nelle piazze di mezza Europa.
“Jordi en Solex” è uno spettacolo con grandi quantità di energia, di improvvisazioni e di contatto con il pubblico. Numeri e non numeri, con bottigliette d’acqua, deodoranti spray, trombette e campanelli, manubri e monocicli, cicli e minicicli.

Billy Bolla: “Bolle di sapone giganti”
Direttamente dal paese di Timanfaya l’unico e inimitabile domatore di bolle Billy Bolla! Giganti e piccolissime, una sola per inglobare una persona o mille come in un sogno psichedelico, bolle di sapone domate con arte e poesia per uno spettacolo iridescente ed etereo”.
Workshop per tutti (adulti e bambini)
Un laboratorio della durata di 45 minuti insieme a un esperto per essere introdotti nel magico mondo delle bolle di sapone, per provare a farne di giganti e piccolissime con cerchi, bastoni, attrezzi improbabili e con le mani.
Un’occasione per avvicinarsi a quest’arte e carpirne i primi segreti.
*bambini dai 3 anni (anche i più piccoli possono provarci ma la coordinazione dei
movimenti per alcuni giochi è necessaria)

Victor Adolfo Boni
Artista eclettico e performer darà vita ad un affascinante spettacolo che mescolerà suggestioni visive e sonore, fondendo l’arte del disegno tridimensionale e dello “street painter” con la musica fusion.
Il suo estro, espresso in ambito nazionale ed internazionale, si muove in tre ambiti specifici: la pittura, la musica e le arti marziali, discipline nelle quali Boni si è specializzato definendo e plasmando la sua identità artistica.

Riccardo Braglia: “Viaggio nell’ombra”
Conferenziere, scrittore e giornalista, consulente di varie reti televisive, è già stato Ispettore Onorario della Soprintendenza per il Patrimonio Storico e Artistico di Mantova. Ha svolto un ruolo di attiva partecipazione in varie manifestazioni di rilevante interesse, quali seminari, mostre ed altre attività culturali.
Durante l’evento da lui proposto in esclusiva per “Famille De La Rue” i partecipanti saranno guidati attraverso i luoghi occulti di Mantova, in un percorso suggestivo tra storia e fantasia. In questo viaggio esclusivo, le vicende segrete di alcuni dei protagonisti più illustri della storia di Mantova si intersecheranno alle leggende oscure della città. Una occasione unica per conoscere i retroscena di una Mantova ancora inesplorata, ricca di simboli e mistero.

Dante Cigarini: “I pupazzi umani di Dante Cigarini”
Ventriloquo e burattinaio, tiene spettacoli di successo in giro per l’Italia.
Durante lo spettacolo alcuni spettatori scelti a caso tra il pubblico vengono trasformati in pupazzi umani e coinvolti in divertentissimi sketch.
Uno show di ventriloquismo assolutamente unico e originale in grado di far ridere e sognare il pubblico di ogni età.
Workshop: Laboratorio di animazione e manipolazione pupazzi rivolto ai bambini e ai loro genitori. L’arte di muovere i pupazzi e di farli parlare è alla portata di tutti i bambini, ma anche dei loro genitori; una volta superato il comprensibile imbarazzo iniziale anche gli adulti possono mettersi in gioco e provare la straordinaria emozione di “dare vita” ad un oggetto inanimato.
Questo laboratorio è rivolto ai bambini e ai loro genitori con lo scopo di farli stare insieme, di farli ridere e di farli giocare affinché possano condividere le stesse impressioni e le stesse emozioni: il pupazzo è un magico strumento per comunicare con i propri figli.

Chris Costa: “Cosmic”
Cantante e compositore, polistrumentista, arrangiatore, produttore e raffinato animale da palcoscenico, Chris Costa intraprende un viaggio musicale da solista accompagnato dal suo looper e dai suoi effetti cosmici.
Una retrospettiva che include un “best of” dei brani tratti da alcuni suoi progetti: Mood Filter, Caress, Capsicum Tree Dirty Soul. Il tutto condito da improvvisazione continua, che da sempre caratterizza il sound di Chris Costa: voce, chitarra acustica, keys looper, beatboxing, efx.

Fantasia pura italiana: “Teatro nella canzone”
Ganugi e Gori sono artisti poliedrici che da tre anni e mezzo compongono, senza alcun limite di genere o qualsivoglia paletto, brani o meglio “performances” che uniscono contemporaneamente recitazione e canto, cercando sempre di realizzare una curiosa forma d’arte definibile “Teatro nella canzone”.
Lo spettacolo è un continuo agitarsi dei due performers, in un ibrido di follia, eccitazione, cabaret “improvvisato” e musica che ogni tanto si ferma di colpo e lascia spazio alla poesia di qualche canzone d’autore inedita, classicamente intesa.

Giorgio Gabrielli: “Il barbone di Siviglia”, intrattenimento ambulante con fantoccio da elemosina
Inizia a dedicarsi al disegno e alla scultura dal 1985.
Le opere scultoree raggiungono un livello tecnico sempre più articolato, con un progressivo interesse per la scultura sezionata e l’universo della marionetta.
Da qui il passaggio successivo al teatro di figura con la costruzione ed animazione di tutti i soggetti – marionette, burattini, pupazzi, maschere ed ombre cinesi – curando personalmente da sempre scenografia e regia di tutte le sue produzioni.
Al centro dello spettacolo un personaggio, una figura a grandezza naturale fatta esclusivamente di carta che nasconde all’interno il suo animatore e si aggira per le strade della città avvicinando i passanti, chiedendo la carità, lamentandosi e immergendosi in un dialogo affascinante e curioso tra creatore, essere animato e mondo reale.

Marco Gialdi: “L’Alchimista Barista”
I bambini potranno preparare insieme al titolare del Bar Venezia Marco Gialdi alcuni cocktails con sciroppi colorati e altro. In omaggio un grembiule di carta per tutti coloro che parteciperanno. Con questo workshop si vuole insegnare attraverso il gioco l’arte della miscelazione analcolica ovvero come mescolare i liquidi per ottenere i colori, i sapori, le guarnizioni con la frutta. Dalle 16:00 alle 18:00 di sabato e domenica. Le prenotazioni iniziano dal 10/4 al n. 0376363499.

Italento: “Carillon”
Compagnia di Ravenna che gira l’Italia e il mondo con lo scopo di meravigliare il pubblico.
Un pianoforte meccanico vagherà sulle note della musica, guidato da un settecentesco pilota, mentre una eterea ballerina danzerà sulle punte come un vero carillon d’altri tempi. Lo spettacolo ha una sola pretesa: lasciare un romantico ricordo nel cuore degli spettatori. Nel 2010 “Carillon” ha rappresentato la nazione francese ai festeggiamenti NATO a Norfolk (Virginia) presso l’ambasciata di Washington DC.

Mattacchioni volanti: “Eu@genio. Il genio europeo”
Chi è Eu@genio? Semplice, l’amico che tutti i bambini vorrebbero avere, un personaggio della fantasia popolare, mezzo genio volante e mezzo uomo bandiera, la risposta occidentale all’alchimia orientale…
Nel suo piccolo vuole essere un baluardo contro la crisi di identità che attanaglia l’Europa distribuendo ottimismo e aforismi che riguarda la fortuna, i desideri, e i sogni. Un’animazione stupefacente che ha solo una pretesa: strappare un sorriso alle genti e incantare i bambini.

Wainer Mazza
Cantautore, intrattenitore, poeta, cantastorie, in quest’epoca dove i mezzi di comunicazione di massa hanno letteralmente scardinato il sistema narrativo degli antichi cantastorie, ecco emergere, tra le nebbie padane, una figura che pizzicando la sua chitarra diffonde melodie. Nelle sue canzoni vengono affettuosamente evocati lo spazio e il tempo, la mappa esistenziale di una Padania “minore”, fatta di paesi silenti, di bianche strade che si perdono nella campagna, di figure remote, di brume avvolgenti.

Murayama Shinya
Mimo, clown e performer internazionale, si è diplomato presso il Theater Art College di Tokyo. Lo spettacolo: sulla strada insieme a un mimo giapponese verso una meta affascinante: la creazione di fantastici momenti poetici con il pubblico tra pantomima, giocoleria a acrobazie. Istanti toccanti in cui le emozioni uniscono … e non servono parole…

Museo Gli Orsanti: “Storia e Origini dell’arte di strada”
Il Museo gli Orsanti nasce originariamente a Compiano (da Domenica 4 Maggio la sede verrà trasferita a Vigoleno, Pc), nella Chiesa sconsacrata di San Rocco. Raccoglie testimonianze della vita degli Orsanti, uomini coraggiosi, artisti musicanti e ammaestratori di animali che portarono in giro per il mondo, nelle vie e nelle piazze i propri spettacoli.
Gli Orsanti non sono un’invenzione narrativa, l’emigrazione girovaga infatti è un fenomeno realmente esistito nelle zone dell’Appennino parmense e ha radici remote.
Durante il festival la Presidente dell’ente Valeria Benaglia dopo avere illustrato l’origine del museo proietterà un video che raccoglie per immagini la storia dell’arte di strada e dei numerosi ricordi che la accompagnano.

Parada: “Un naso rosso contro l’indifferenza”
Parada da 18 anni porta nei sottosuoli e sulle strade di Bucarest aiuto sociale e la propria arte, svelando una realtà e denunciandola al mondo intero. In molti hanno aderito alla missione di Parada e, in Italia i tanti sostenitori si sono uniti per creare Parada Italia.
Lo spettacolo sarà un coinvolgente mix di giocoleria, clown e acrobazia.
I Ragazzi di Bucarest, attraverso l’arte del circo e gli applausi del pubblico, diventano protagonisti assoluti proponendo un’offerta creativa di alternativa alla strada e di libertà nel riconoscimento della propria persona.
Un progetto che ogni anno raggiunge in Italia circa 80.000 persone, unendo qualità artistica e finalità sociali. Il team è composto da 6 artisti tra i 18 e i 36 anni: Marian Millea, Christian Anghel, Gabriel Bucur, Parvu Andrei, Vasilescu Alin, Simion Tania.

Pepino e Fedele e Orkestra Zbylenka: “Spettacolo di musica di strada jukebox a cappello”
I piazzisti della canzone, i venditori di suoni, i menestrelli del business vi propongono il nuovo grande affare per l’estate 2014. Minuti di felicità a prezzi da saldo di fine stagione. Il piacere di una canzone al prezzo di una moneta … o due, quella che vorrete far cadere nel box. Quando si sente il tintinnio magicamente parte la musica e ci lascia travolgere da pure emozioni.

Gabriella Romani e il suo team di artisti madonnari
È considerata tra i primi artisti madonnari di strada. Intraprende la sua attività artistica nel 1983 insieme a Toto De Angelis in arte Straccetto e a Clementina Guerra.
Fin da piccola ha sviluppato un innato istinto per le arti figurative, subendo l’influenza artistica del pittore mantovano Imerio Venturini.
Gabriella è membro del GAMM (Gruppo artisti madonnari mantovani) che annovera circa 500 artisti di strada. Possiede due nomi d’arte: si fa chiamare “Ciuffetto” dai madonnari, mentre dai bambini, con i quali svolge diverse attività ricreative, è conosciuta come Nonna Belarda. Durante il festival presenterà il suo spettacolo “Nonna Belarda e Pippo”.

Roxanart: “Face-painting”
Biologa di professione, Roxana è stata sempre affascinata dall’arte. Ama dipingere su supporti inediti come i sassi che grazie ad un tocco magico prendono vita e sembrano cercare il vostro sguardo.
La sua soddisfazione più grande è vedere l’espressione di gioia sui visi dei bambini quando si guardano allo specchio dopo la metamorfosi …

Luca Segala: “Fuori come un balcone”
Musicista autodidatta, nella sua carriera da sassofonista ha potuto spaziare da artista di strada live solista in varie città come Venezia, Verona e Roma.
Con l’ausilio di basi strumentali ha poi suonato a vernissage d’arte, feste private e ristoranti per dar ulteriore visibilità agli eventi.
In occasione del festival si esibirà niente meno che dal balcone del bed and breakfast “Cà delle Erbe”, proponendo la sua musica da una location decisamente insolita, che non passerà inosservata agli occhi del pubblico.

Svalvolino: “Svalvolino On the Road Show”
Nato in inverno con un forte desiderio di primavera, sin da piccino Svalvolino è molto attratto dalle arti circensi e dalla comicità più vera.
Affina le sue tecniche tra i banchi di scuola: amato dal suo pubblico ed odiato dai suoi professori. L’art de clowneriedi “Svalvolino” lo porta ben presto a esibirsi in molteplici contesti tra cui reparti ospedalieri, oltre che feste d’ogni tipo.
“Svalvolino On the Road Show” è costituito da una serie di sketch adatti a grandi e piccini in costante alternanza fra ilarità e mimo a volte ai limiti dell’assurdo, mai volgari, sognanti e poetici.

“Swing Musette Orchestra”: Fausto Beccalossi (fisarmonica), Simone Guiducci (chitarra solista), Enrico Comaschi, (chitarra ritmica), Mauro Sereno (contrabbasso)
Spettacolo di musica jazz. La band propone un vasto repertorio standard di swing americani visti e vissuti, però, con occhi, cuore ed orecchie europei. In particolare, la band è interessata alla rilettura della musica americana della golden era, quella che negli anni Trenta e Quaranta, diede il chitarrista sinto Django Reinhardt. Nel loro repertorio, infatti, ci sono anche canzoni firmate da Reinhardt, a testimonianza del filo rosso che lega la Swing Musette Orchestra alla lunghissima tradizione della musica popolare sinta.

Tamburi di Mantova: “Sogno d’Africa”

Profughi percussionisti, provenienti da vari paesi dell’Africa centrale, suonano i tamburi djambè, antichi strumenti di grande importanza nella loro tradizione culturale, ricreando le atmosfere e i suoni della loro terra.

Teatro Magro: “Shadow”
Attivo sul territorio mantovano dal 1989. L’attività teatrale di Teatro Magro si articola nell’ambito definito di ricerca, attingendo quotidianità dal vissuto e denunciando lo stereotipo, il luogo comune, la retorica, il tutto permeato da un’ironia che costringe a mantenere alto il livello di attenzione, con una prospettiva indipendente e disincantata.
Protagoniste della rappresentazione saranno sei performer “shadow”: giovanissime CARNI SCELTE da Teatro Magro dall’outift seriale. La loro interpretazione sarà corale e fisica: in particolare, comporranno forme fisiche a canone, come delle ombre, “shadow”, appunto, stanziando soprattutto nei pressi delle vetrine dei negozi e all’interno degli stessi. Colmeranno dei vuoti. In che senso? Allo spettatore il compito di interpretare.

Annalisa Venturini: “Hans”
La sua infanzia è costellata da personaggi fiabeschi che, il padre Imerio, noto pittore mantovano, amava ritrarre: circensi, sinti, rom e artisti di strada. Arte e creatività sono state le sue madrine, ed è proprio in questo ambiente che emerge un innato talento di doll maker.
Quella straordinaria capacità di dare espressività a materiali come cera, stoffa, porcellana e cernit la identificano come una delle prime doll artist italiane a ricevere riconoscimenti all’estero nel campo dell’iperrealismo. Da queste doti è scaturito uno dei suoi ultimi lavori “Hans”, il clochard in silicone che
per l’evento verrà riesposto sotto il Voltone di San Pietro a distanza di un solo anno dal clamore suscitato in città.




Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *