Tuberfood al Festivaletteratura di Mantova 2017 con stand e concorso letterario


Tuberfood – La Fiera Nazionale del Tartufo Bianco di Borgofranco sul Po (MN) dà assaggio di sé al Festivaletteratura con lo stand in piazza Broletto. La collaborazione continua con il Concorso Letterario, scadenza 30 settembre e premiazioni il 14 ottobre 2017.

Tuberfood Festivaletteratura Mantova 2017Tuberfood – La Fiera Nazionale del Tartufo Bianco di Borgofranco sul Po, (in scena dal 29-30 settembre e 1, 6-7-8 e 13-14-15-16 ottobre 2017) scalda i motori al Festivaletteratura di Mantova: uno stand, allestito questa volta in piazza Broletto, con la collaborazione delle aziende “I Tartufi del Borgo” e “Cantine Virigili”, offre assaggi delle prelibatezze al tartufo di cui sarà ricca la Fiera durante il periodo dedicato.

Presente la Pro Loco di Borgofranco sul Po, organizzatrice di Tuberfood insieme al Comune, con il suo presidente Massimo Malavasi: “Da quando è nata la collaborazione con il Festivaletteratura” dice “il pubblico della città di Mantova ha potuto conoscere da vicino la tipologia di tartufo bianco della zona di Borgofranco sul Po, aumentando quindi la consapevolezza delle prelibatezze di cui è ricco il nostro territorio. Lo stesso dicasi per i turisti, visitatori del Festival. Credo che anche la nuova collocazione dello stand, non più in piazza Sordello, pure suggestiva, stia dando un ulteriore impulso a questa nostra Fiera che merita di essere apprezzata anche per le sinergie che sa mettere in campo”.

Dello stesso parere anche il sindaco del piccolo Comune, Lisetta Superbi, che non manca di portare l’attenzione agli aspetti più culturali della manifestazione: “Per il secondo anno abbiamo voluto organizzare il Concorso Letterario Tuberfood, con il Tru.Mu – Museo del Tartufo e in collaborazione appunto con il Festivaletteratura di Mantova. Le premiazioni del concorso si terranno durante l’ultimo fine settimana della nostra manifestazione enogastronomica. Il titolo ‘Tartufo e Trifulìn: Tradizioni, Territorio e Tavola’ – col quale si cimenteranno i partecipanti fino al 30 settembre – spiega chiaramente l’intento di approfondire e mantenere salde le radici dei luoghi in cui viviamo e nei quali ci riconosciamo”.




Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *