Festa del Risotto di Villimpenta 2015


Villimpenta Festa del Risotto 2015Nel 2015 sarà la 69° edizione della Festa del Risotto di Villimpenta… Una lunghissima tradizione… E in concomitanza di Expo 2015, il Risotto alla Villimpentese diventa De.C.O.

Quest’anno la festa si terrà il 04/05/06/07 – 11/12/13/14 – 18/19/20/21 Giugno 2015.

Il Programma degli Eventi Principali (gratuiti):

  • giovedì 4 giugno 2015: Ruggero Scandiuzzi
  • venerdì 5 giugno 2015: Matteo Tarantino
  • sabato 6 giugno 2015: Serata Giovani con Radio Pico
  • domenica 7 giugno 2015: Daniele Cordani
  • giovedì 11 giugno 2015: Gianni Dego
  • venerdì 12 giugno 2015: Pietro Galassi
  • sabato 13 giugno 2015: Serata Giovani con DJ Yano
  • domenica 14 giugno 2015: Musica Wiva
  • giovedì 18 giugno 2015: Renzo Biondi
  • venerdì 19 giugno 2015: Marianna Lanteri
  • sabato 20 giugno 2015: serata di BALLO LATINO AMERICANO
  • domenica 21 giugno 2015: Orchestra Spettacolo Frank David Band

Comune dell’est mantovano a ridosso del veronese, Villimpenta (MN) è terra di confine, solcata dal fiume Tione, caratterizzata dal Castello Scaligero e da un’antica Villa dei Gonzaga. Altri edifici storici da menzionare sono la Biblioteca Comunale in stile Liberty, la Chiesa di San Michele Arcangelo, il Santuario della Madonnina e la Chiesa di San Bartolomeo Apostolo.

In questa piccola realtà ogni anno, a Giugno, si svolge la “Festa del Risotto di Villimpenta“, ormai riconosciuta come la più grande manifestazione culinaria della provincia, tappa obbligata ad ogni edizione di migliaia di buongustai provenienti da tutto il centro-nord.

Com’è facile intuire è il Riso, rigorosamente “vialone nano”, a farla da padrone con una storica ricetta tramandata dall’esigenza contadina di avere un alimento pronto da portarsi nei campi. La caratteristica principale è che con questa cottura il riso non scuoce e mantiene la sua caratteristica “sgranatura”.

La ricetta, affinata nel tempo dai cuochi villimpentesi e regolarmente depositata nel 1990 presso lo studio Notarile Aliberti di Mantova, dimostra la particolarità del piatto oltre che degli allora risottai.




Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *