Fiera di San Martino e Sant’Omobono 2015 a San Martino dall’Argine


Fiera San Martino dall'Argine 2015A San Martino dall’Argine (MN) è in arrivo la Fiera di San Martino e Sant’Omobono. È una delle Fiere più antiche d’Italia, con i suoi quasi 500 anni. Non tutti sanno che nel 1651 e nel 1783, ci furono 2 ballottaggi per portarla da piazza Matteotti (Vegro) a piazza Castello, in quanto i portici gonzagheschi potevano offrire riparo ai mercanti e ai visitatori, ma entrambi videro la conferma della sede originaria.

Il via alla pluricentenaria Fiera di San Martino e Sant’Omobono verrà dato venerdì 13 novembre 2015 alle ore 15.00 presso l’oratorio di Santa Maria delle Grazie (Chiesa del Vegro) in piazza Matteotti, dove verrà celebrata la Santa Messa.

In chiesa Castello, in via Garibaldi, alle 18.00 inaugurerà la mostra “La scissione dell’Io” a cura del gruppo culturale Tabula Rasa mentre alle 21.00 il gruppo oratoriale musicale Dakapo sarà in concerto con “Amatevi come io vi ho amato”.

La sagra proseguirà con la gara di briscola “Mundialito” alla quale verranno distribuiti tè caldo e vin brulé sabato 14 novembre alle 21.00 in piazza Matteotti dentro il gazebo coperto e riscaldato.

Domenica 15 novembre in piazza Matteotti (Vegro) ci sarà il mercato a partire dalle 8.00 e dalle 9.00 la colazione con degustazione di cicciole e cotechino, la tradizionale castagnata con ceci e vin brulé e il “gioco delle noci” con tantissimi premi.

Alle 10.30 in chiesa Castello si celebrerà la Santa Messa.

Alle 12.00 in piazza Matteotti (Vegro), dopo il successo dell’anno scorso, si terrà la Mensa di San Martino; un pranzo, a base di piatti tipici, gratuito, tradizionale, sobrio e aperto a tutti. Funzionerà come una vera e propria mensa, dove con il proprio vassoio ci si metterà in fila e si prenderà quello che verrà offerto dalle associazioni e dalle attività locali (agnoli in brodo, maltagliati con la “fasulina”, cotechino con purè, stracotto e polenta fresca, torte miste).

È un’iniziativa voluta per valorizzare il famoso gesto, rimasto impresso nella storia: il taglio del mantello per il mendicante da parte del Santo che conferisce il nome al paese; con questo momento di ritrovo, San Martino vuole emulare quel gesto di solidarietà, con i suoi volontari, le sue associazioni e con le attività locali; il ricavato sarà interamente devoluto a Enti di Carità. In caso di pioggia, l’evento si svolgerà comunque all’interno del gazebo coperto e riscaldato; i prodotti rimanenti saranno devoluti alle persone bisognose.

La Fiera terminerà con la serata di musica lirica “Il ritorno dell’Operetta” alle 21.00 presso il Centro Diurno per Anziani in via Carrobbio.

La novità di quest’anno è la possibilità di effettuare visite guidate gratuite a San Martino dall’Argine per tutta la durate della fiera, solo su prenotazione alla Pro Loco.




Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *