Famedio Chiesa di San Sebastiano Mantova

Famedio

La chiesa di San Sebastiano è un tempio, progettato da Leon Battista Alberti (Mantova, di Leon Battista Alberti ha anche la basilica di Sant’Andrea), con pianta a croce greca i cui lavori di costruzione, sotto la direzione di Luca Fancelli, iniziarono nel 1460 e si protrassero per molti anni.

Oggi il tempio di San Sebastiano è adibito a Famedio ai caduti per la Patria.

Per molto tempo ha ospitato un monumento smembrato (un tempo in piazza Sordello) dedicato ai Martiri di Belfiore, e ora collocato nel luogo in cui avvenne la loro esecuzione nella Valletta di Belfiore.

Le scale laterali della facciata sono state aggiunte nel 1925, prima si accedeva dall’ingresso della facciata laterale, ora chiuso. La faccita era caratterizzata, prima della costruzione degli scaloni laterali, da cinque porte sormontate da altrettante finestre che ora formano la parte antistante l’ingresso.

Indirizzo: il famedio si trova in Largo XXIV Maggio, in fondo a Via Acerbi, a pochi passi dalla Casa di Andrea Mantegna.