Mantova Torre dell'OrologioRealizzata dall’architetto di corte Gonzaga Luca Fancelli, su commissione di Ludovico II, la Torre dell’Orologio, inaugurata nel 1473 (iniziata 1472-1473), è collocata tra il Palazzo della Ragione e la Rotonda di San Lorenzo, in Piazza Erbe a Mantova.

La Torre, di impianto rettangolare, prende la sua denominazione per l’orologio, macchina molto complessa, opera e raffinata, invenzione di Bartolomeo Manfredi, astrologo, ma anche matematico e meccanico alla corte Gonzaga.

L’orologio infatti è un orologio astronomico che oltre a segnare il trascorrere del tempo era in grado di indicare la posizione degli astri, segni zodiacali, il tempo, i giorni e le fasi lunari (importanti per i lavori agricoli) e altre indicazioni utili per lo scorrere della vita dei mantovani.

Le ore dell’orologio della Torre sono in numeri romani.

Orologio e torre, inoltre, addossati al palazzo medievale della Ragione, nel cuore della città mercantile sono commissionati a rappresentare l’alto simbolo del potere e della cultura del marchese Ludovico II.

Orologio astronomico Mantova

Orologio astronomico




La Torre dell’orologio subì modifiche nel 1600, ad opera dell’architetto Anton Maria Viani. Vennero aggiunti: nel 1612 il coronamento e nel 1639 la nicchia con la Vergine Immacolata.

Per visitare e accedere alla Torre si deve andare al primo piano del Palazzo della Ragione; da lì, attraverso una scalinata si può arrivare a vedere sia tutti gli ingranaggi della macchina orologio astronomico, sia il panorama del centro storico di Piazza Erbe.