Sabato 22 novembre 2014 al Teatro comunale Verdi di Buscoldo (MN) arriva la prosa in dialetto.
Divertimento assicurato con la commedia “La vècia ustaria” di Learco Beccari, portata in scena dalla compagnia Teatro Mania di Buscoldo

La vècia ustaria Teatro Mania Buscoldo (Mantova)Appuntamento con la prosa dialettale al Teatro Comunale “Giuseppe Verdi” di Buscoldo: sabato 22 novembre 2014 alle ore 21.00 va in scena “La vècia ustaria”, commedia in tre atti in dialetto mantovano di Learco Beccari, a cura della compagnia Teatro Mania di Buscoldo.

Breve riassunto: Telemaco Paglia, Paina per gli amici, non sopporta la massiccia invadenza dei mass media, che lui giudica parolai manipolatori di verità, prezzolati da produttori di consumi inutili, una informazione che ha un solo fine, la pubblicità. Fonda con gli amici il club de “La vècia ustaria” con lo scopo di divulgare i valori genuini della civiltà contadina. Ma per una strana coincidenza diventa suo malgrado un personaggio di cronaca. Si ribella, chiede soldi per le interviste, ma con scarsi risultati, la verità non emerge. Alla fine si rassegna, ma continua a sognare e sperare di poter liberare l’uomo da quella che lui definisce l’erbaccia cattiva, che è la moderna informazione. Si scherza, si ride e si canta, e la vicenda si conclude con Paina che ci invita a riflettere.

Prenotazione e vendita dei biglietti presso il Teatro Verdi di Buscoldo: tel. 0376 410008, mail: teatroverdibuscoldo@gmail.com.

LA VECIA USTARIA

Commedia in tre atti in dialetto mantovano
di LEARCO BECCARI

Personaggi ed interpreti

  • TELEMACO PAGLIA (GABRIELE CARRA). Detto Paina (bonaccione, anticonformista, ed interpreti ironico, anziano artigiano in attesa di pensione)
  • AGATA (KATIA BELLUTI. Su muier (teledipendente, maniaca dei detersivi e delle raccolte punti a premi)
    AMABILIA (PAOLA CHIARI).Su surèla (teledipendente, maniaca delle telenovèlas e delle raccolte punti a premi)
  • GINEVRA (SILVIA FERRARI). La muier d’Utèlu
  • SERENA CHIACCHIERI (MANUELA SAVOIA). Giornalista
  • ORAZIO (SILVIA FERRARI). Cameraman

I amich a dla vècia ustaria

  • MARCELU (GAETANO VERNIZZI). Malato immaginario in pensione
  • CAMILU (GIUSEPPE COSTA). Pensionato avido lettore di giornali
  • PARIDE (GIANLUCA BELADELLI). Coldiretto in pensione ma sempre indaffarato
  • CARLETU (PAOLO BENAGLIA). Signorile, milanes in pensiun
  • UTELU (ALBERTO ALBERINI). L’idraulich super tifoso juventino
  • CECHINU (LEARCO BECCARI). Detto Chichina, sunadur, taciturno

RAMMENTATRICE: KATIA BELLUTI
COSTUMISTA e TRUCCATRICE: PAOLA CHIARI
TECNICO LUCI e SUONI: LUCIANO FERRARI
SCENOGRAFIE: GAETANO VERNIZZI
REGIA: LEARCO BECCARI




Scritto da: Ufficio Stampa Comune di Curtatone
Data: 19 novembre 2014
Categoria: Spettacoli, Teatro
Tag:


Inserisci un commento