Teatro Magro ribattezza il Teatro Sociale di Luzzara; mercoledì 21/6/2017 il secondo appuntamento della rassegna


Creaturamia Compagnia teatrale TeatRing Luzzara 2017In scena a Luzzara (RE) prosegue la rassegna A due passi dal teatro, giunta alla sua terza edizione, con la direzione artistica di Fadia Bassmaji dell’associazione Sinonimia Teatro Cultura Bellezza, un progetto di La Fondazione un Paese, il Comune di Luzzara e la Regione Emilia Romagna.

L’appuntamento interamente gratuito è per ogni mercoledì, a partire dal 14 giugno fino al 12 luglio 2017 alle ore 21:30, in Piazza Tedeschi a Luzzara, letteralmente ‘a due passi dal teatro’, che al momento è in ristrutturazione.

Il primo appuntamento, che ha visto ospite la compagnia mantovana Teatro Magro, è stata un’occasione per una riflessione particolare: a causa della pioggia, infatti, sembrava non fosse possibile effettuare sino all’ultimo lo spettacolo. Tuttavia, si è fatto di necessità virtù: in considerazione dell’innumerevole pubblico e per rispetto delle persone che sono arrivate da fuori provincia e da fuori regione, si è presa la decisione estemporanea di effettuare ugualmente una replica della pièce teatrale all’interno del Teatro Sociale di Luzzara, ancora non del tutto agibile a causa dell’intervento manutentivo in corso. Con le dovute precauzioni di sicurezza, pubblico ed artisti si sono adattati in una situazione che – è il caso di dirlo – a “Mali estremi” ha portato ad “estremi rimedi”.

Questa edizione, infatti, è intitolata provocatoriamente “Mali estremi”: si parla dei mali che, dalla nascita alla morte, muovono l’uomo a spingersi oltre i propri limiti, a sfidarsi in atti eroici e perversi verso i limiti dell’autodistruzione e perciò, a entrare in lotta con sé stesso, tra sopravvivenza, onnipotenza e infine evoluzione.

Il risultato della serata è stato un evento irripetibile e coinvolgente: dieci attori adolescenti hanno coinvolto il pubblico, in una performance teatrale, la prima ospitata all’interno del teatro dopo la chiusura dell’edificio settant’anni fa.

Questo a riprova del fatto che c’è la necessità e l’esigenza da parte dei cittadini di riapproriarsi di un luogo simbolo del territorio per poterlo trasformare in una piattaforma condivisa di confronto e di stimolo culturale.

Dopo il primo appuntamento, il giorno dopo, giovedì 15 giugno 2017, è stata inaugurata presso il Centro Culturale Zavattini di Luzzara, la mostra di Rossana Capasso “Behind the dancers”, che rimarrà visitabile per tutta la durata della rassegna, e potrà essere visionata all’interno del Teatro Sociale durante le sere di spettacolo, ogni mercoledì. La mostra è alla base del concept dell’ultimo spettacolo in cartellone previsto per il 12 luglio, a cura di Sinonimia, per sottolineare quanto le sinergie e le contaminazioni creative siano quanto mai preziose.

Il prossimo appuntamento di mercoledì 21 giugno 2017 Creaturamia… di Compagnia TeatRing, a cura di Marianna Esposito, rappresenta la più bella storia d’amore che si possa contemplare: l’amore incondizionato di una madre alle prese con un figlio invischiato in vicende di droga, tra lotta e ottimismo disperato. Un personaggio che altalena tra il grottesco e il tragico. Uno spettacolo dove corpo, parole, scene e musica diventano un unico tessuto narrativo che vi racconta la ricchezza della forza che è in ognuno di noi. Un personaggio che non vuole chiedersi se il bicchiere sia mezzo pieno o mezzo vuoto, ma usa tutte le forze che ha per riempirlo, ad ogni costo.

Lo spettacolo, di altissima caratura, è stato segnalato e premiato in diversi contesti, sia nazionali sia internazionali: Edinburgh Festival Fringe, Edimburgo; UNO Concorso Nazionale di Monologhi Teatrali, Firenze; Premio Nazionale Per Attrici Bianca Maria Pirazzoli, Bologna.

È possibile arrivare allo spettacolo in programma a Luzzara anche attraverso la partnership con il portale Happyways, start-up veronese in forte crescita che permette di offrire o trovare passaggi in automobile, e incentiva all’uso del carpooling. Il servizio, infatti, permette di superare le carenze nelle ore notturne del trasporto pubblico, ponendo in contatto persone con gli stessi interessi e promuovendo la formazione di ‘equipaggi’ per partecipare agli eventi.




Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *