Il servizio della Canadiens Mantova non lascia scampo alla Codyeco Lupi.


I padroni di casa giocano una grande gara e dominano contro una Codyeco un po’ stanca e decisamente più fallosa del solito.
Canadiens Mantova: Paolucci, Nagy 16, Walter 10, Nemec 7, Barbareschi 10, Benito Ruiz 8, Zappaterra (libero), Modnicki, Frosini, Tognazzoni, Mazzonelli n.e, De Marco n.e, Mattioli (libero) n.e. All. Marchesi.
Codyeco Lupi: Falaschi 1, De Paula 14, Baldaccini 4, Subiela, Mattioli 6, Lukianetz 7, De Pandis (libero), Ciappi, Suglia 3, Rocchini 1, Perfetto n.e, Tosi (libero) n.e. All. Dalù.
Successione reti: 25-19 in 23´, 26-24 in 29´, 25-19 in 25´
Battute sbagliate Canadiens 15 Aces 4 Muri 11
Battute sbagliate Codyeco 15 Aces 4 Muri 7
La Codyeco affonda al PalaSigla.com di Mantova colpita duramente dalla gran giornata al servizio di tutti gli uomini della Canadiens Mantova. Benito Ruiz e compagni trovano infatti una prestazione importantissima dalla linea dei 9 metri, mettendo in costante difficoltà la ricezione della Codyeco, comunque più fallosa del solito. Il gioco di Falaschi ne risente inevitabilmente e i padroni di casa hanno quindi notevole facilità nel bloccare spesso a muro gli attaccanti biancorossi.
Al via si capisce subito che la giornata della Codyeco non sarà delle più facili: Benito Ruiz scava subito un gran break col servizio, tanto che la Canadiens si porta sul 8-3 e poi sul 14-7. De Paula riavvicina i biancorossi, che toccano il -1 sul 16-15, ma nel finale Walter e Benito Ruiz ridanno ai padroni di casa il giusto vantaggio che si concretizza sul 25-19 che manda le squadre al riposo.
Più equilibrio invece nel secondo set, quello che poi sarà decisivo nell´economia della partita: la Codyeco parte bene, subisce ancora le battute insidiosissime di Benito Ruiz, ma poi trova un buon mini-break di vantaggio grazie a Mattioli e Falaschi. L´ace di Barbareschi vale il 17-17, mentre nel caldissimo finale Lukianetz e Nagy danno battaglia fino al 23-24 in favore dei “Lupi”. Qui sale il cattedra il “colonnello” Nemec che prima annulla il set-point della Codyeco e poi mura Mattioli ribaltando il punteggio. Per Benito Ruiz è infine una formalità trovare il 26-24 che regala il doppio vantaggio ai lombardi, tagliando le gambe alla Codyeco Lupi.
Nel terzo parziale c´è poca storia. Rocchini resta in campo per Subiela, mentre Ciappi rileva Lukianetz. L´equilibrio dura solo all´inizio, poi il servizio della Canadiens costringe Dalù ad inserire anche Suglia per Mattioli. L´8-8 di De Paula è solo un fuoco di paglia perchè col servizio Mantova allunga vistosamente, prima sul 16-10 poi sul 22-13. Lukianetz, rientrato per Ciappi, prova a suonare la carica, ma ormai è tardi e Nagy interrompe la rimonta biancorossa sul 23-19. L´ultimo punto lo mette a segno Walter con un muro imperioso che spegne tutte le velleità di una Codyeco decisamente sottotono, anche se bisogna dare atto della gran partita giocata da Paolucci e compagni.
Per la Codyeco, che perde così la vetta della classifica, non ci sarà nemmeno tempo per rifiatare analizzando gli errori commessi col Mantova: martedì, ancora nella città virgiliana, ci sarà l´attesa semifinale di TIM CUP A2 contro Latina, altro match durissimo che i conciari dovranno giocare al massimo delle loro potenzialità per provare a vincerlo e per uscire da questo periodo di leggero appannamento e stanchezza, comunque normali visti i ritmi e la frequenza con cui i biancorossi sono chiamati a giocare.
Fonte: Ufficio stampa Codyeco Lupi



Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *