Acm in salvo, anzi no


Il Mantova ha fatto quanto ci si attendeva. Cioè ha vinto: 2-1 a Piacenza in una sfida – come era del resto prevedibile – dai ritmi piuttosto bassi. A 90 minuti dal termine del campionato non è però ancora salvo. C’è infatti una piccola, remota possibilità, che possa essere acciuffato a quota 51 da Modena e Pisa, che potrebbero in virtù di goleade all’ultimo turno, scavalcare i biancorossi se questi dovessero essere sonoramente battuti a domicilio dalla Salernitana, nella sfida di fine campionato, sabato prossimo al ‘Martelli’. La qual Salernitana con un punto a Mantova è aritmeticamente fuori dai playout, come il Mantova in caso di segno X. Va precisato – a onor della statistica – che anche Rimini erd Ascoli possono raggiungere il Mantova a quota 51 ma solo nel caso di arrivo con Modena e Pisa i biancorossi di Somma sarebbero in difficoltà. Ipotesi tutte cancellate e Mantova salvo in anticipo, nel caso in cui il Cittadella sabato prossimo batta il Rimini nel match casalingo che costa probabilmente la retrocessione agli sconfitti, se l’Ancona non vincerà a Bergamo contro un AlbinoLeffe che ha ancora, ma solo teoriche, possibilità di raggiungere i playoff. Ma torniamo sui 90 minuti del Grilli. Somma conferma l’undici annunciato e va in gol al 35’ con Godeas. Nella ripresa Corona si ripete toccando quota 10 in classifica marcatori. Il Mantova va con i suoi bomber. Ma il Piacenza accorcia le distanze ad un quarto d’ora dal termine con il baby Siligardi, un 21enne di Carpi che il diesse Magalini aveva seguito in passato. Non ci sono altre emozioni se non la girandola di risultati dagli altri campi, che fanno sussultare chi è attaccato alle radioline. Il Mantova non può ancora festeggiare ma è più vicino che mai all’obiettivo.




Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *