Mantova salvo, fine di un incubo


Mezzora di gioco (quasi) vero, poi Mantova e Salernitana si arrendono all’evidenza di un copione già scritto e lasciano ad altre i patemi salvezza. Finisce 1-1 ed è un botta risposta Godeas-Ganci. Fa molto di più la Salernitana in questa mezz’ora: prende il gol di Godeas, in cielo dove solo il bomber del Mantova può arrivare (comunque pregevole il cross di Marchesetti per la testa del numero 99 virgiliano), colpisce un palo esterno al 18’ con Iunco e dopo un’opportunità sprecata dallo stesso Iunco, raggiunge il meritato pari con un colpo di testa nell’angolino di Ganci, da distanza ravvicinata. Da qui la sfida scade di tono. Qualche colpo di tosse sino all’intervallo, poi nella ripresa di gioco nemmeno l’ombra. Ci sono invece le numerose sostituzioni, a premiare con l’ingresso dell’esordiente Coppari e dei giovani Pizzuti e Coppiardi il buon lavoro del settore giovanile del Mantova. Che tuttavia pare destinato a dare l’addio al tecnico Somma.

Rugby. Il 79° e penultimo scudetto a.C. (avanti Celtic) è di Treviso, che in uno stadio Flaminio purtroppo pieno solo per un quarto supera Viadana 29-20. Per il Benetton è il titolo numero 14, a fronte di 20 finali (7 consecutive) disputate su 22 edizioni. Un vero dominio, in attesa di sapere se i meriti sportivi concorreranno a promuovere i veneti nella Lega celtica. Il Montepaschi, viceversa. s'arrende per la seconda volta su tre finali, incapace di ripetere la grande impresa del 18 maggio 2002 (Successo a Rovigo contro Calvisano) che ancora fa sognare i suoi tifosi. La stagione 2009/10 del Super 10 – l'ultima con l'attuale formula – inizierà il fine settimana dell'11-13 settembre, una settimana dopo la finale di Supercoppa. Lo scudetto, invece, verrà assegnato a fine maggio 2010. Con Marcato out per un problema alla spalla (rischia anche per il tour azzurro) Treviso era nelle mani e nei piedi di Goosen, schierato apertura-calciatore. Esperimento riuscito, alla fine sono i suoi calci a decidere il match. Perché Viadana resta in partita fino all'ultimo: sotto 19-10 alla fine del primo tempo (mete di Vilk, Di Santo con t.m.o. e Goosen per Treviso, di Cox per l'Mps), i ragazzi di Love trovano la forza (di Neivua) e soprattutto l'ordine per mettere la test avanti a 20' dal termine. Merito di Law, che prima schiaccia e poi trasforma per il momentaneo 19-20. Passano 5', Viadana non controlla e regala a Goosen la punizione del 22-20. Lo stesso Goosen fallisce il colpo del k.o. Treviso chiude in avanti e sfiora un'altra meta con Sartoretto prima che a segno vada Barbieri (Goosen trasforma) per il 29-20 finale. Finisce con la rabbia di Law, inutilmente miglior marcatore dell'incontro. Tra Picone e Robertson, i due osservati speciali di Mallett (tornano in nazionale dopo il forfait per infortunio al Sei Nazioni) meglio il biancoverde.




Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *