Riscoperto il mito del Piccolo Brasile


Una bella rimpatriata in nome di una squadra il cui nome, ripetuto a Mantova, fa sempre sognare. Così si può sintetizzare l’incontro di ieri sera, nella sala degli Stemmi del Comune di Mantova, con alcuni protagonisti del Piccolo Brasile, la squadra dell’Acm che esattamente 50 anni fa, il 28 giugno 1959, conquistò la promozione in serie B nello spareggio di Genova, 1-0 al Siena, gol di Fantini. E proprio Eugenio Fantini, insieme a Micheli, Vaccari, Longhi e Giagnoni, erano gli ospiti della serata, tra aneddoti dell’epoca, racconti di sfide mai dimenticate e di tante battaglie vinte. Forse non tutti sanno, ad esempio, che il Piccolo Brasile fu tale solo in quella stagione, poiché la formazione biancorossa fu immediatamente smembrata ma conquistò la serie A due anni dopo. Assente, tra gli invitati, il solo William Negri. Moderatore della serata, organizzata dal Circolo Gianni Brera di Mantova in collaborazione con il Club dal Platan, il giornalista Alberto Gazzoli.

Sono ore di riflessione per il presidente del Mantova Fabrizio Lori, chiamato a sciogliere prima di tutto il nodo del tecnico a cui affidare la squadra nel prossimo campionato di B. E in seconda battuta a portare a Mantova l’ex Paolo Poggi, non come giocatore ma come aspirante direttore sportivo. Che poi il 38enne attaccante veneziano possa lavorare con e non al posto di Giuseppe Magalini è un altro quesito da risolversi solo nei prossimi giorni. Oltre a Magalini, il cui contratto è i scadenza, sono circolati nelle ultime ore, i nominativi di Zanzi, anch’egli al Venezia, e Vignoni, talent scout ex Vicenza. Sul fronte dei giocatori non si registrano novità. Nessuno è incedibile, praticamente tutti sul mercato, con la sola eccezione di Bellodi, Notari, Rizzi e Tarana. Da qui appare chiaro come risulti fondamentale uno staff dirigenziale che sappia piazzare i numerosi giocatori che a Mantova hanno ormai chiuso un ciclo, nonostante i contratti in essere e individuare nuovi elementi, anche dalle categorie inferiori.




Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *