Ad Ascoli la peggiore delle beffe


Un finale incredibile trasforma la prima vittoria del Mantova in campionato ad Ascoli in una sconfitta clamorosa, amarissima dal punto di vista della classifica e delle ripercussioni disciplinari. In vantaggio per 1-0 all’89’, in virtù del rigore realizzato da Caridi dopo poco più di un quarto d’ora della ripresa in inferiorità numerica per l’espulsione di Esposito per somma d’ammonizioni, i biancorossi hanno subito il pari dell’ex fiorentino Amoroso e al 95’ la rete del ko, firmata da quel Lupoli talento mai sbocciato, entrato in campo solo due minuti prima. Con le squadre ridotte in dieci – l’Ascoli – e nove – il Mantova – dopo la doppia espulsione di Fissore e dell’ex biancorosso Bernacci, l’Acm crolla nel finale, tradita da due sviste difensive, nelle quali entra un po’ colpevolmente e un po’ no il neoentrato e debuttante Matteo Lanzoni, quinta scelta centrale difensiva dopo Esposito, Fissore, l’adattato Lambrughi e l’infortunato Notari. La sconfitta lascia il Mantova al penultimo posto con un solo punto all’attivo, peggio ha fatto solo la Salernitana. E sabato al Martelli arriva la Reggina, a fare i conti con una squadra a pezzi come quella di Serena.




Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *