Pugilato al Palazzetto dello Sport di Castel d’Ario 30/11/2013


Sabato 30 novembre 2013 tornano le grandi emozioni del pugilato, con la manifestazione organizzata dalla Boxe Mantova che andrà in scena al palazzetto dello sport di Castel d’Ario (Mantova).

Boxe Mantova, pugilatoCon primo colpo di gong alle ore 21, saliranno sul ring tutti o quasi i dilettanti biancorossi allievi del maestro Bruno Falavigna contro pari categoria emiliani e veneti: tra di loro ricordiamo Piero Di Gangi e Samuele Benaglia, che questo fine settimana a Bergamo saranno impegnati nei campionati regionali, il forte ma sfortunato Davide Zampedri, limitato negli ultimi anni da una serie di infortuni, i giovani promettenti Cristian Bercaru e Yankee Pavan, le ragazze Cora Camporese e Roberta Marcuccilli, e poi Diego Biffi, Alessio Alberini, Claudio Rosafio e Jamal Zyou. Gli avversari sono ancora in fase di definizione.

Ma soprattutto la serata di Castel d’Ario vedrà il ritorno, nel match clou della manifestazione, del professionista tunisino-mantovano Jamel Haddaji, assente dal ring da giugno 2012, quando al Palabam perse inaspettatamente per ko tecnico alla quinta ripresa contro il serbo Srdjan Mihajlovic, nel ‘sottoclou’ del titolo italiano dei superleggeri vinto da Renato De Donato su Marco Siciliano.

Al tempo il mediomassimo del Team Cavallari-Ventura era passato tra i professionisti da circa un anno, nel quale aveva raccolto quattro vittorie (su tutte quella su Alberto Antenucci a Reggio Emilia) e una sconfitta di misura ai punti in Svizzera contro il forte locale Bruno Tavarez. Dopo la sfortunata serata del Palabam la promettente carriera di Jamel ha subito un lungo e brusco stop, per motivi di varia natura, ma ora a 27 anni l’allievo di Falavigna è pronto a ricominciare da capo e rigiocarsi le proprie carte nel difficile mondo del pugilato professionistico. Il suo cammino ricomincerà proprio sabato 30 a Castel d’Ario, dove incontrerà sulla distanza delle quattro riprese il 30enne slovacco Lubo Hantak, un avversario esperto e aggressivo, già visto combattere in Italia in diverse occasioni, di cui Jamel dovrà avere ragione per riprendere di slancio il cammino interrotto.




Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *